CRONACA

Batimetria “fatale”, porto di Casamicciola out per i traghetti

Il mutamento dei fondali successivo alla frana dello scorso 26 novembre rende tuttora lo scalo inaccessibile alle navi. La conferma emerge dagli esiti di una serie di accurati studi subacquei

Si terra nella giornata di oggi, presso la sede del Commissariato Frana e Sisma di Ischia il primo incontro del 2023 sul tema dello scalo marittimo di Casamicciola Terme. Out ai traghetti a carena dislocante, ormai, da quasi 60 giorni. La prima riunione operativa si era svolta il 21 dicembre scorso nel tentativo di risolvere la grave questione legata all’insabbiamento dello scalo registratosi a seguito degli eventi franosi del 26 novembre scorso. Sono arrivati gli esiti degli approfondimenti subacquei ordinati per stabilire le reali condizioni del porto. In seguito all’incarico ricevuto dalla OPERAZIONE S.r.l., la nota società dell’imprenditore e volto noto ischitano, Donato Di Palo, la società ENVIROCONSULT S.r.l. ha svolto nel ruolo di contractor, indagini geofisiche nell’area del Porto casamicciolese, con il fine di analizzare e verificare, a seguito dell’ultimo evento franoso che ha colpito il paese e le eventuali modifiche alle batimetrie del porto per garantire accessi e approdi sicuri da parte di navi ed aliscafi.

Oggi summit al Commissariato frana e sisma di Ischia con Commissari e Delegati ai trasporti regionali e armatoriali. L’ultima riunione operativa sull’Isola risale allo scorso 21 dicembre. Si attendono ancora le promesse corse sostitutive di aliscafo per Pozzuoli

I dati acquisiti sono stati elaborati per la produzione di una specifica cartografia e di un report che ha prodotto per la rappresentazione di un Modello Digitale del Terreno (DTM) del fondale marino con maglia di passo 0.2 m x 0.2 m; la Elaborazione di curve di livello passo 0,5 mt; una Planimetria 3D della zona sommersa. Il lavoro in oggetto è stato svolto in un’unica giornata, 29 dicembre 2022.

Per l’acquisizione dei dati è stata utilizzata un’imbarcazione da ricerca a ridotto pescaggio. Per lo specifico rilievo è stato impiegato un sistema di ecoscandaglio di precisione ad alta tecnologia di tipo multibeam mod. NORBIT iWBMS. I risultati sembrano inequivocabili. Nel rilievo finale degli studi viene mostrata una certa discontinuità batimetrica per l’aria investigata; è evidente una predominanza di profondità che si attesta a circa -3.0 metri e aree di profondità tra i -6.0 e -9.0 mt. Alle estremità del sottoflutto, è stata rinvenuta, inoltre un’imbarcazione. Frutto evidentemente di passati naufragi.

Al termine dell’incontro di dicembre si era stabilito, infatti, che, a stretto giro, la Regione Campania incaricasse  una ditta subacquea per rilevare l’intera batimetria del porto e dei relativi specchi antistanti l’esterno porto dove sono venute meno le condizioni di navigabilità. Un fatto che, aggiuntosi alla scarsa manutenzione dello scalo stesso, nonché dei fondali del catino, ha determinato lo stop ai collegamenti da e per Casamicciola con quasi tutte le navi traghetto e la soppressione di alcune linee con Pozzuoli. Fanno eccezione le navi battenti bandiera rossa e le unità tipo zatteroni che non hanno bisogno di ancoraggio. Particolare quest’ultimo che ha dato più di un problema alla operatività dei mezzi navali. Ora che i risultati sono giunti, oltre i summit istituzionali e le riunioni, non si vedono soluzioni all’orizzonte.

Ads

Incalcolabili i disagi legati alla soppressione di moltissime linee, tra queste la partenza delle 10,10, una OSP, inizialmente prevista dal secondo scalo isolano e poi, causa insabbiamento, spostata ad Ischia e comunque non effettuata ed a seguire lo stop alla partenza delle 15.00 da Ischia, sempre per lo scalo puteolano, entrambe affidate a Medmar. L’incontro di oggi fa seguito, infatti, anche alle diverse audizioni tenutesi presso la sede della Direzione Trasporti della regione Campania con il delegato ai trasporti Ing Luca Cascone che da tempo è costretto a discutere, senza esito concreto, con le compagnie proprio della mancata conduzione delle linee e dei gravi disagi ad esso connessi. Eppure nonostante le discussioni nessuna iniziativa valida e risolutrice delle problematiche è stata assunta.

Ads

Lo ricordiamo, l’enorme colata di detriti ha provocato oltre che morte e distruzione anche la riduzione dei fondali che che maniera irresponsabile si è tentato di negare. Dopo settimane di cauto ottimismo e di “problemi non rilevati” non si è potuta più sottacere né negare la mutata batimetria del fondale eppure l’isola resta gravemente penalizzata, senza collegamenti ed un solo porto operativo. Con il maltempo di questi mesi, la colata ha continuato a scorrere fino al mare e lo fa ad ogni pioggia dilavando le strade invase dal fango che non viene tolto. Il riempimento dello scalo è un problema da risolvere con urgenza: Casamicciola è il secondo porto dell’isola, da cui partono ed arrivano i rifornimenti, gli approvvigionamenti ed ogni giorno si muovono unità navali usate dai pendolari di ospedali e scuole. Proprio per contemplare l’enorme portata della questione sul territorio, da settimane si dibatte, inutilmente su linee e percorsi alternativo. Basta! Fate presto.

Tra i danni collaterali della soppressione di molte linee e della difficoltà nei collegamenti c’è la ricaduta sul pendolarismo, sui malati oncologici e i malati che effettuano cure in terraferma quotidianamente, gli approvvigionamenti, la continuità territoriale. Forse è questo il motivo principale che avrebbe dovuto spingere in queste settimane ad assumere provvedimenti d’urgenza, per sopperire ai limiti di un porto ormai a mezzo servizio. Erano attese per questo gennaio anche le linee aliscafi “sostitutive” per Pozzuoli. Alle parole, per ora non sono succeduti i fatti. La previsione da sola, è evidente, non risolve. Evidenti le lacune. In caso di condimeteo avverse l’aliscafo sarebbe impossibilitato ad effettuate i collegamenti. Per ora nessuna soluzione immediata dunque, solo ipotesi. 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex