Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

Il belvedere di via Pizzaco sarà intitolato a Elsa Morante

L’amministrazione comunale con delibera di Giunta n°140 del 31 agosto 2017 ha intitolato il belvedere di via Pizzaco che si affaccia sulla sottostante spiaggia de “la Chiaia” e che sullo sfondo impatta l’architettura spontanea ed i colori del borgo dei pescatori di Corricella (uno dei luoghi che è tappa obbligata per turisti e visitatori che mettono piede a Procida) ad uno dei maggiori personaggi della cultura italiana del ‘900: la scrittrice Elsa Morante.

Nell’atto deliberativo nelle motivazioni si legge: “Che Elsa Morante (Roma, 18 agosto 1912 – Roma, 25 novembre 1985) è stata scrittrice, saggista, poetessa e tra le più importanti narratrici del secondo dopoguerra. Nel 1936 conosce lo scrittore Alberto Moravia e lo sposa nel 1941. La coppia frequenta i personaggi fra i più importanti dell’epoca, come Pier Paolo Pasolini, Umberto Saba e Luchino Visconti, ma la guerra li costringe a lasciare Roma per luoghi più sicuri ed è così che Elsa passa del tempo anche nell’isola di Procida;  Ed è qui, a Procida, che trova l’ispirazione per le sue pagine più belle, quelle del romanzo “l’Isola di Arturo”; Nel 195 7 pubblica il capolavoro l’Isola di A1turo, nato e scritto a Procida, vince il Premio Strega, ed è la prima donna ad essere insignita di tale premio. Per la scrittrice l’isola di Procida rappresenta il simbolo dell’innocenza. Nelle sue pagine Elsa Morante riporta i soleggiati e silenziosi paesaggi procidani, abitati da animali reali ed immaginari, la marina con le sue viuzze strette, le case variopinte, le barche in secca, il Castello che domina l’isola, imprimendo in ogni descrizione la sua forte attrazione per questa terra, e con la magia della sua penna celebra e diffonde al mondo intero la bellezza di Procida”.

“Vista la proposta dell’Assessorato alla cultura di intitolare il belvedere di via Pizzaco, uno dei luoghi più incantevoli di Procida, alla scrittrice che l’ha tanto amata e celebrata con i suoi paesaggi naturali, le sue tradizioni, il suo mare, lasciando ai posteri il più suggestivo e intimo “belvedere” su quelle acque in cui ha desiderato che si spargessero le sue ceneri. …. DELIBERA Di intitolare alla scrittrice Elsa Morante il belvedere di via Pizzaco; Di dare mandato al competente servizio a presentare formale richiesta di autorizzazione al Prefetto di Napoli ai sensi della normativa citata in premessa; Di dare atto che il presente atto si perfezionerà e diverrà esecutivo con il rilascio dell’apposita autorizzazione prefettizia; Di dare mandato al Responsabile del settore tecnico di disporre per l’idonea apposizione di targa nei pressi del Belvedere di via Pizzaco con la seguente dicitura “Belvedere Elsa Morante”.

Da ricordare che proprio il prossimo 22 e 23 settembre si terrà la fase finale della XXX edizione del premio “Procida Isola di Arturo Elsa Morante” i cui finalisti per la sezione narrativa sono: Livi Roberto, La terra si muove (Marcos y Marcos); Bajani Andrea, Un bene al mondo (Einaudi); Nucci Matteo, E’ giusto obbedire alla notte (Ponte alle Grazie), mentre per la sezione mare i finalisti sono: Mario Genco, Gente di mare. Vol. 1 Dal Mediterraneo all’Oceano (Torri del Vento, 2016); Pietro Grossi, Il passaggio (Feltrinelli, 2016); Luca Lo Basso, Gente di bordo. La vita quotidiana dei marittimi genovesi (Carocci, 2016); Alessandro Vanoli, L’ignoto davanti a noi. Sognare terre lontane (Il Mulino, 2017).

Guglielmo Taliercio

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x