CRONACA

Biglietterie allagate, odissea per i pendolari ischitani

L’area antistante gli sportelli ieri sera è stata invasa dall’acqua, assumendo l’aspetto di una vera e propria piscina, costringendo gli utenti a immergersi fino ai polpacci per acquistare il titolo di viaggio

Una vera e propria piscina. È quello che erano diventate le biglietterie del Molo Beverello ieri sera, quando decine di pendolari isolani si sono recati sul porto di Napoli per tornare a Ischia. Lo spazio antistante gli sportelli delle biglietterie, che come è noto è posto su un piano ribassato rispetto alla banchina, era letteralmente allagato: l’occlusione di tre tombini ha causato l’accumulo di acqua piovana nel citato piano, che è diventata una sorta di vasca, dove oltre cinquanta persone erano alle prese con l’acquisto del biglietto.

Nessuno ha potuto evitare di immergersi fin oltre le caviglie per poter raggiungere gli sportelli. Una situazione aggravata dalla difettosa copertura superiore, con altra acqua che scorreva in basso, colpendo i malcapitati utenti. I tombini, evidentemente non manutenzionati, non riuscivano a smaltire l’acqua che si andava accumulando nel piano ribassato anche a causa delle pendenze dell’asfalto nella zona circostante, che indirizzavano l’acqua verso lo scivolo predisposto per consentire l’accesso agli utenti dotati di carrozzina, scivolo trasformatosi per l’occasione in un torrente. È sconfortante constatare come, a dispetto di alcuni interventi migliorativi realizzati negli ultimi anni nel tentativo di rendere più agevole le fasi di imbarco o comunque di migliorare l’accoglienza nello scalo partenopeo, l’arrivo della pioggia metta a nudo una gravissima mancanza come questa, costringendo residenti e turisti a un’immersione fuori programma per potersi munire del titolo di viaggio.

Le immagini che vedete sono eloquenti, e anche la piastrellatura del calpestio, ricoperta d’acqua, contribuiva a rendere il look delle biglietterie più simile all’interno di una piscina comunale che non a un accesso agli sportelli. Se questo è l’esito della prima pioggia autunnale, c’è da augurarsi che un episodio del genere non si ripeta nel prosieguo della stagione quando, a partire da fine mese, cominceranno i lavori per la costruzione del nuovo Beverello. Si tratta di opere dirette a rendere più efficiente le operazioni di imbarco e sbarco. Con l’inizio del cantiere il 30 ottobre, le biglietterie dovranno essere spostate al parcheggio Angioino. Salvo imprevisti, i lavori dovrebbero terminare nel 2021.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close