CRONACA

“Bonus facciate” , la detrazione IRPEF che ridà lustro ai palazzi isolani

Lo sconto fiscale promesso dall'agenzia delle entrate potrebbe convincere molti isolani a rimettere a nuovo le facciate dei palazzi, biglietto da visita per gli ospiti che vengono poi condizionati positivamente o meno dalle condizioni in cui versano

Buone notizie per lo skyline dell’isola. L’agenzia delle entrate rende noto che per i lavori di manutenzione che riguardano le facciate delle case italiane è previsto un succoso bonus, Un incentivo che potrebbe convincere non pochi italiani a mettere mano, finalmente, alla restaurazione delle facciate delle proprie abitazioni, un vero e proprio biglietto di benvenuto per chi si trova a volgere lo sguardo, per la prima volta sulle facciate di un nuovo paese. Facciate di edifici che rendono uniche e affascinanti le città più belle d’Italia e non fanno eccezione i palazzi e le case di Ischia, Procida e Capri.

Un incentivo che naturalmente potrebbe rinnovare anche il volto dei borghi isolani. Dalla Corricella di Procida, dove vige un rigido regolamento che valorizza ed esclude, con catalogo pantone alla mano, una serie di colori non in linea con l’identità dell’isola di Arturo, ai contorni dei palazzi della riva destra di Ischia. Senza dimenticare l’agglomerato di case che caratterizza il panorama di Forio o le casette del borgo marinaresco di Sant’Angelo. Sono tante le abitazioni che potrebbero essere destinatarie del bonus che prevede detrazioni fino al 90%. Ma anche le zone più periferiche e nascoste, e non per questo meno belle, delle isole possono fare richiesta e avere così un aiuto concreto per migliorare l’aspetto esteriore delle proprie case.

L’agenzia delle entrate ha definito il campo d’azione delle detrazioni al 90% che riguerderà le spese sostenute nel 2020, ma anche quelle iniziate nel 2019. Lo sconto fiscale è previsto per gli edifici residenziali dislocati nelle zone abitative A e B. Tante le operazioni possibili. Chi ad esempio ha un balcone che ha bisogno di pulitura e tinteggiatura della superficie può fare richiesta del bonus, ma non solo. La circolare n. 2/E del 14 febbraio 2020 spiega che l’agevolazione riguarda gli interventi effettuati sull’involucro esterno visibile dell’edificio, vale a dire sia sulla parte anteriore, frontale e principale dell’edificio, sia sugli altri lati dello stabile (intero perimetro esterno). In buona sostanza, come spiega già esaustivamente il titolo dell’incentivo, ogni tipo di facciata che ha bisogno di essere rimessa a nuovo può usufruire di questa agevolazione che si tramuta in un interessante sconto alla fine dei lavori e che non va a pesare sulle casse delle famiglie ischitane. Tra i lavori agevolabili rientrano quelli per il rinnovo e consolidamento della facciata esterna dell’edificio, inclusa la semplice tinteggiatura o pulitura della superficie, e lo stesso vale per i balconi o per eventuali fregi esterni. E ancora, lavori sulle grondaie, sui pluviali, sui parapetti, sui cornicioni e su tutte le parti impiantistiche coinvolte perché parte della facciata dell’edificio.

Insomma, chi aveva intenzione di mettere a nuovo la facciata del proprio edificio adesso troverà manforte da parte delle agenzie delle entrate. Ma anche chi, scoraggiato dal costo eccessivo dell’intervento, potrebbe trovare in questa agevolazione un assist per ridare lustro alle facciate degli edifici, biglietto di benvenuto per i numerosi ospiti che scelgono le isole di Ischia, Procida e Capri per passare le proprie vacanze.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close