CRONACA

Bonus per imprenditori turistici, lunedì il bando regionale

Il presidente della giunta della Campania Vincenzo De Luca ha annunciato l’importante misura nella tradizionale diretta del venerdì

Lunedì partirà un bando per le strutture turistiche in Campania (hotel, case vacanze, campeggi, tour operator, gestori stabilimenti balneari, agenzie) da 2000 a 7000 euro. Lo ha annunciato il presidente della Regione Vincenzo De Luca nel suo consueto appuntamento del venerdì. Nel fare il punto della situazione Coronavirus in Campania, il presidente della giunta regionale ha annunciato il bando che sarà disponibile lunedì.

Si tratta di un bonus che va dai 2mila ai 7mila euro esclusivamente per il settore turistico. Stando a quanto riferito dal presidente, potrà richiederlo chi gestisce campeggi, aree attrezzate, ostelli, rifugi di montagne, residence e diverse categorie come agenzie di viaggio, stabilimenti balneari, guide turistiche. «Si tratta di uno sforzo enorme per dare respiro all’economia della nostra regione», ha commentato De Luca.

«Stiamo lavorando per dare serenità e messaggio di speranza – ripete due volte De Luca -Ci sono tutte le possibilità per avviarci verso la fase di sviluppo straordinario».  L’obiettivo del presidente della Regione è «dare respiro alle famiglie, ma anche una nuova iniezione di energie all’economia pulita, per fermare l’avanzare della criminalità organizzata, dell’usura, dell’economia illecita». La scorsa settimana l’assessore al Turismo Corrado Matera aveva annunciato di aver destinato al settore turistico circa 24 milioni (per la precisione 23milioni 867mila euro). La somma integra il Piano per l’emergenza socio-economica realizzato dall’esecutivo guidato dal Presidente della giunta regionale della Campania Vincenzo De Luca. «La misura – ha detto l’assessore allo Sviluppo e alla Promozione del turismo Corrado Matera – consiste in un Bonus una tantum a fondo perduto (non cumulabile con quello già concesso in applicazione della DGR n. 172/2020), che va da 2.000 a 7.000 euro a seconda del tipo di attività svolta. Il provvedimento rientra nella strategia complessiva del Piano di incentivi a sostegno delle imprese varato dall’assessorato alla Promozione del Turismo, d’intesa con l’assessorato alle Attività Produttive della Regione Campania. «Il comparto turistico sta vivendo un momento difficile, e necessita di essere sostenuto perché resta un asset strategico ed essenziale per l’economia della nostra Regione. Sono certo che in poco tempo riconquisteremo gli straordinari numeri registrati negli scorsi anni in presenze turistiche, e che il turismo sarà il settore trainante e determinante per la rinascita del nostro tessuto produttivo». «Per dare un segnale di concreta attenzione alle imprese del comparto turistico – ha detto ancora Matera – come Assessorato alla Promozione del Turismo, d’intesa con l’Assessorato alle Attività Produttive della Regione Campania abbiamo varato un di Piano incentivi di circa 24 milioni di euro (23.867.000euro), che integra il Piano per l’emergenza socio-economica realizzato dall’esecutivo guidato dal Presidente Vincenzo De Luca. La misura consiste in un Bonus una tantum a fondo perduto (non cumulabile con quello già concesso in applicazione della DGR n. 172/2020), che va da 2.000 a 7.000 € a seconda del tipo di attività svolta».

Chi potrà beneficiare del bonus

Potranno beneficiare del contributo le ̀ attività alberghiere e quelle extralberghiere (purché svolte in forma d’impresa)  villaggi turistici e aree campeggio, agenzie di viaggio, tour operator, guide ed accompagnatori turistici, stabilimenti balneari, gestori di parchi divertimento, attività legate al noleggio di strutture per manifestazioni e spettacoli (impianti luce e audio senza operatore, palchi, stand ed addobbi luminosi), attività di fabbricazione e commercio di articoli pirotecnici, ludoteche e attività fotografiche.

L’erogazione del contributo

Il contributo una tantum sarà erogato sulla base di una apposita istanza presentata dal rappresentante legale dell’impresa sulla piattaforma dedicata.

Articoli Correlati

Un commento

  1. Continuo a rimanere indignato ed arrabbiato i quanto la Regione Campania ha previsto e prevede ancora, giustamente, ristori a fondo perduto per le Attività Produttive.
    Adesso anche la Camera di Commercio di Napoli darà un contributo a fondo perduto come sopra.
    Ristori cumulabili con con tutti gli altri previsti dal Corona Virus.
    Arrabbiato mi domando, chiedo e dico:
    Ma NOI TERREMOTATI dell’ Isola d’ Ischia perchè dobbiamo e continuare ad essere trattati come degli IMBECILLI e non da CITTADINI ITALIANI come quelli delle altre zone terremotate che hanno e continuano ad avere ristori.
    Tutto questo solo perchè non ci hanno e non ci siamo saputi difendere dalle offese e dalla gogna mediatica dei Mas Media e di qualche indignitoso politico.
    Assolutamente non meritiamo questa INDIGNITOSA disparità di trattamento. Noi siamo ITALIANI ed i nostri immobili sono
    OGGETTI DI CONDONO e NON ABUSIVI , sono anche essi a tutti gli effetti ITALIANI in quanto dal momento della costruzione abbiamo PAGATO LE TASSE e le Attività produttive hanno dato lavoro e creato economia.
    Spero che a quelli cui dissi:
    L’ UOMO VALE QUANTO LA SUA PAROLA E NON QUANTO LA SUA PENNA
    abbiano l’ umiltà di considerarci ITALIANI per quello che orgogliosamente siamo e rappresentiamo.
    Mario Romano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close