POLITICA

Calise, il mistero dell’assessore “last minute”

Pascale ha revocato in extremis l’assessorato ad Antonio Di Meglio per conferirlo al “Barbiere”

Ancor prima dell’ufficializzazione della sfiducia della maggioranza dei consiglieri comunali nei suoi confronti, Giacomo Pascale ha cambiato la composizione dell’esecutivo. Con due decreti consecutivi, il sindaco ormai uscente di Lacco Ameno ha revocato l’assessorato ad Antonio Di Meglio, parente e referente del grande elettore Agostino Polito, per poi conferire la carica a Ciro Calise, che così, pur se per poche ore, ha assommato su di sé le deleghe ai lavori pubblici, alle politiche cimiteriali, al commercio e all’estetica cittadina. La mossa si spiega certamente con la fiducia ormai venuta meno tra Giacomo e Di Meglio (con quest’ultimo, per la verità, molto spesso assente alle riunioni dell’esecutivo), ma probabilmente anche al fatto che il cambio effettuato avrebbe consentito al Barone di convocare una riunione di giunta, l’ultima del suo mandato finito anzitempo, avendo ancora i numeri sufficienti per votare le relative delibere. Resta da capire quale sia stato l’argomento su cui la giunta avrebbe dovuto esprimersi..

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close