CRONACAPRIMO PIANO

Cambio della guardia al Rizzoli, ecco il “benvenuto” del Cudas alla Bianco

Il comitato unitario per il diritto alla salute augura buon lavoro alla neo direttrice sanitaria ma nel contempo in una pec illustra tutte le criticità dell’ospedale di Lacco Ameno

Non poteva esserci un momento più indicato per far sentire la propria voce. Nella giornata di insediamento ufficiale del nuovo direttore sanitario dell’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno, il Cudas (Comitato Unitario per il Diritto alla Salute) ha deciso di cogliere la palla al balzo e di formulare subito una sorta di lista della spesa alla neo responsabile Elvira Bianco. In una pec che è stata trasmessa alla stessa, infatti, non solo le è stato augurato buon lavoro ma si è anche voluto sottolineare le tante criticità di cui soffre da tempo il nosocomio isolano che – come si legge nel testo “complicano la quotidiana attività di assistenza, non consentono agli operatori di lavorare al meglio delle loro possibilità e potenzialità e producono enormi disagi alla popolazione isolana e, non di rado, all’utenza dei turisti italiani e stranieri”.

Un vero e proprio decalogo, quello dell’organismo presieduto dalla dinamica Gianna Napoleone, anzi ad essere sinceri i punti toccati sono undici. Tanti e minuziosi, quanto basta per rendere l’idea di come ci si trovi dinanzi a una struttura che presenta davvero tante, troppe carenze. L’elenco, che vi riportiamo integralmente, in fondo parla chiaro: “Adeguamento antisismico (a partire dalla rimozione dei pesi sul lastrico solare); Dichiarazione di zona disagiata con specifici incentivi al personale sanitario; Carenza degli organici medico e infermieristico con turni massacranti e straordinari oltre ogni 
limite. In particolare in Ortopedia, Pediatria, Cardiologia e Rianimazione. La carenza di anestesisti non di rado limita anche l’attività chirurgica; Tutela del Punto Nascita in deroga fino al 31 dicembre; Disagi per i pre ricoveri, per cui le analisi vengono effettuate nella stessa giornata degli interventi chirurgici; In Cardiologia, la gravissima carenza di personale medico fa sì che vi sia un unico cardiologo in servizio che, se impegnato in un trasferimento all’elicottero, resta scoperto il pronto soccorso anche in caso di codice rosso. E gli apparecchi diagnostici al di sotto delle necessità e ormai obsoleti; Ambulatorio di Endocrinologia cancellato, nonostante l’alta incidenza di patologie tiroidee, senza trascurare le esigenze della prevenzione; Ambulatorio di Ortopedia da anni limitato ai controlli postoperatori, mentre per le visite specialistiche l’utenza è costretta a recarsi nel migliore dei casi a Procida o presso i nosocomi della terraferma; Assenza del servizio interprete, fondamentale per garantire un’accoglienza e un’assistenza adeguate ai numerosi utenti stranieri; Idroambulanza a rischio blocco durante la navigazione con dotazione a bordo obsoleta e inadeguata; Due ambulanze in dotazione all’ospedale per i trasferimenti che cadono a pezzi”.

Insomma, a leggere questa mail di certo la Bianco non farà i salti di gioia, anche se è facilmente intuibile che di certe carenze il nuovo direttore sanitario fosse già a conoscenza, non fosse altro che per le rumorose proteste del comitato. Nella parte finale della nota il Cudas confida che il nuovo direttore sanitario “voglia finalmente occuparsi, per la parte di sua competenza, di trovare soluzioni appropriate alle tante emergenze trascurate che continuano ad affliggere l’ospedale isolano, unico punto di riferimento sul territorio e per la popolazione già penalizzata, soprattutto in campo sanitario, dai limiti dell’insularità”. In bocca al lupo anche da parte nostre, e buona fortuna: con l’aria che tira, purtroppo, l’impressione è che davvero ce ne sarà bisogno.

Tags

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close