Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

Cancellate le tombolate in famiglia, nelle parrocchie e nelle associazioni. Il Natale delle “rinunce forzate” mette l’isola in ginocchio, ma c’è chi reagisce

LA TOMBOLA NEGATA - QUEI NUMERI “TIRATI” DAL CANESTRELLO CHE FACEVANO DIVERTIRE - E’ stato ed è il gioco natalizio per eccellenza. Infatti la Tombola è considerata da sempre come gioco di gruppo, la regina incontrastata di tutti i Natali, del giorno di capodanno ed dell’ Epifania. Dopo pranzi e cene, le famiglie e gli amici si ritrovino tutti riuniti intorno a un tavolo, magari dIfronte ad un enorme cesto di frutta secca, ad un vassoio con panettone, roccocò e mustaccioli per consumare il rito tradizionale di questo gioco ricreativo che piace a tutti, ma che purtropèpo quest’anno non potrà essere praticato

il gioco della tombola, in famiglia, nelle sale parrocchiali e nelle associazioni da tempo immemore non aveva mai conosciuto crisi di esistenza. C’è voluto una pandemia micidiale per bloccarlo iniziata agli inizi di quest’ anno balordo 2020 tutto da dimenticare in cui si sono’ verificati drammi indicibili con la scomparsa di tante persone amiche colpite dal virus nascosto che non ha guardato in faccia a nessuno e continua a farlo nonostante le precauzioni intraprese per evitare il contagio.

Quindi a farne le spese nel vasto panorama delle rinunce forzate per colpa del Covid-19, c’è anche il tradizionale ed amato gioco della tombola che solitamente si pratica nel periodo delle feste natalizie ed è considerato per altro il gioco di Natale per eccellenza.Ma tant’è. A questo punto conviene guardare la il gioco della tombola a distanza…sociale e ricordare la sua tenuta storica e il divertimento che sa produrre ed i l tmpo adatto per darsi al suo richiamo. Infatti la Tombola è vista da sempre come gioco di gruppo la regina gioiosa incontrastata di tutti i Natali, del giorno di capodanno ed dell’ Epifania. Dopo pranzi e cene, le famiglie e gli amici si ritrovano tutti riuniti intorno a un tavolo, magari di fronte a un enorme cesto di frutta secca, a un piattone di panettone o pandoro, per consumare il rito tradizionale di questo gioco ricreativo che piace a tutti, grandi e piccoli senza distinzione.

Il meccanismo del gioco è molto semplice: in un canestrello di vimini con bocca stretta, sono contenuti 90 numeri, ripetuti, poi, in un grosso cartellone e, in ordine sparso, nelle cartelline che ciascun giocatore deve acquistare prima di iniziare a giocare. I premi in palio sono, cinque: tombola, cinquina, quaterna, terna e ambo. Un moderatore estrae i numeri e li segna sul tabellone. Ciascuno giocatore dovrà a sua volta segnare sulla cartellina in suo possesso i numeri presenti. Vince chi per primo fa ambo (due numeri su una stessa riga). Quindi terna (tre numeri), quaterna (quattro numeri), cinquina (cinque) e tombola (tutti i numeri). I premi, generalmente, variano a seconda della cifra raccolta al momento della distribuzione delle cartelle. La tombola è un gioco perfetto da proporre in famiglia e quando ci sono bambini che, generalmente, si divertono tantissimo a estrarre i numeri, a segnarli sulle cartelle, a ritirare i premi. Ogni volta che il numero estratto è presente su una o più delle sue schede, il giocatore “copre” la casella corrispondente.

Nella versione tradizionale della tombola, le schede sono semplici cartoncini stampati e i numeri vengono coperti con piccole bucce di mandarini, con fagiolicecilenticchiepasta  o altro materiale disponibile dopo i cenoni natalizi come pezzi di gusci di frutta secca. Tali cartelle sono realizzate in gruppi di sei in modo che in ogni gruppo i numeri da 1 a 90 capitino una ed una sola volta. Le cartelle vengono acquistate in numero variabile dai giocatori secondo un prezzo unitario predefinito. Similmente il giocatore che detiene il tabellone è tenuto a versare l’importo relativo alle sei cartelle virtuali che compongono il tabellone. Dopo questo doveroso excursus, per così dire, tecnico, è giusto vedere come le famiglie ischitane si mobilitano nei giorni d’attesa delle feste natalizie per il tradizionale gioco della tombola. Abbiamo detto sopra che il gioco della tombola lo si pratica in famiglia, nelle comunità parrocchiali in gruppo e nelle associazioni, queste ultime a scopo di beneficenza. Per l’ischitano a Natale giocare a tombola rappresenta il modo più sano e genuino di festeggiare in allegria.

Ritrovarsi tutti insieme, padri, madri, sorelle, fratelli, cugini, nonni e nonne e l’immancabile zia e qualche amico di famiglia più stretto, diventa il massimo nel calore…invernale della casa di turno che ospita l’intera brigata. E si perché, si gioca a tombola non sempre nella stessa casa. Vengono effettuati i turni: una volta si va da Maria, un’altra volta ad ospitare sono Giovanni e Francesca, poi è il turno di Salvatore e Stefania e via continuando fino a ritornare nell’abitazione di Maria. E’ un “cammino a rotazione che fa felice tutti, perché il gioco della tombola sa affratellare anche cosi famigliari ed amici nel periodo gioioso delle feste natalizie. A divertirsi di più a loro modo sono i bambini a cui spesso si concede il privilegio di “tirare” dal canestrello il primo numero del turno di giocata. Succede che il bambino protagonista per un momento della seduta, estrae un numero particolare meritevole di commento malizioso come suggerisce la “smorfia”, si scoppia in una risata generale senza che il bambino stesso se ne renda conto.

Ads

Poi imparerà che il nume 4 si riferisce al “porco”, il 48” ‘ O muort che parla”, ), il 57 “’O scartellato (il gobbo”, 21 ” ‘A femmena annura (la donna nuda”, 32 “ ‘O capitone (il capitone)” , 33 “L’anne ‘ e Cristo (gli anni di Cristo)”, 34 “’A capa (la testa)”, come elenca qui a fianco Michele Lubrano nella sua rubrica “Il Punto”. Quindi entusiasmo e buona compagnia intorno ad una tavola dove campeggiano il cartellone della tombola, cartelle in serie, panariello, i numeri tondi di legno, le tradizionali bucce di mandarino natalizio per puntare nelle caselle il numero chiamato, faggioli, ceci e la corposa posta in gioco, ossia i soldi delle puntate per le agognate vincite che vanno dal minimo che è l’ambo alla tombola piena, che rappresenta la vincita massima per il fortunato o fortunata di turno.

Ads

Alle famiglie si aggiungono le comunità parrocchiali dell’isola che se non fosse per l’impedimento imposto dalle per difendersi dal coronavirus ancora in atto, già , l9una dopo l’altra si sarebbero organizzate per le tombolate natalizie dell’anno. Ma la realtà sconveniente non ammette deroghe. Noiente aggregazione, niente giochi che ti fanno stare insieme, niente tombola per questo Natale 2020 davvero incredibile.

Foto Giovan Giuseppe Lubrano

antoniolubrano1941@gmail.com

info@ischiamondoblog.com

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
1 Comment
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Rossy

Questo Natale è pieno di rinunce ma ci sta chi non vuole rinunciare a niente. Questa epidemia nessuno se l’aspettava. Che possiamo fare? Se ci vogliamo bene e ne vogliamo anche agli altri l’unica cosa da fare è rispettare le regole, è difficile perché si era organizzato già tutto. Come posso non fare questo? Come posso non starti vicino? Nella vita tutto si può fare, basta volerlo. Nemmeno Babbo Natale con tutte le letterine che sta ricevendo non può farci nulla per far scomparire questo virus, può solo regalare i doni richiesti da tutti noi.

Back to top button
1
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x