Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Carambola folle in pieno centro, paura a Ischia

Drammatico incidente in via Michele Mazzella: una Hyundai ha innescato una lunghissima sbandata finendo sul marciapiede dove ha investito e ferito seriamente una donna, ricoverata al Rizzoli, che passeggiava con il suo cane: l’animale è morto sul colpo mentre l’auto ha terminato la sua corsa scontrandosi con un taxi

Un grave incidente stradale ha segnato la mattina di ieri nel centro di Ischia. Il bilancio finale, pur drammatico, poteva essere ancora peggiore, se si pensa alla zona in cui l’episodio si è verificato. In via Michele Mazzella, intorno alle ore 11.00, una giovane automobilista alla guida di una utilitaria Hyundai i10 ha perso il controllo della vettura seminando letteralmente il panico per alcune centinaia di metri, fino a investire una donna che passeggiava col suo cane al guinzaglio sul marciapiede nelle immediate vicinanze del Tribunale. Il cane è morto sul colpo, mentre la donna investita è stata trasportata in codice rosso all’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno.

Sconcertante, seppur ormai chiara nel suo dipanarsi, la dinamica dell’incidente ricostruita dai Carabinieri guidati dal capitano Angelo Pio Mitrione, subito accorsi sul posto insieme agli addetti del Pronto soccorso. La guidatrice stava risalendo via Michele Mazzella in direzione Pilastri, quando all’altezza della stazione dei Vigili del Fuoco ha cominciato a sbandare con una traiettoria “a zig zag”, come hanno testimoniato diverse persone presenti nei paraggi, per poi salire sul marciapiede subito dopo il varco d’uscita in corrispondenza dell’ingresso della Scuola Media Scotti. L’allucinante sequenza ha avuto il suo tragico culmine proprio in quel punto, dove una donna è stata investita in pieno: un impatto che non ha lasciato scampo al cagnolino tenuto al guinzaglio, rimasto esanime sul marciapiede mentre la sua padrona è stata proiettata dalla violenza dell’urto oltre l’aiuola che delimita l’area di parcheggio per gli avvocati. Mentre la malcapitata ricadeva al suolo, riportando diverse fratture, la macchina impazzita ha abbattuto due alberi presenti nell’aiuola per poi ripiombare sulla carreggiata all’altezza del deposito dell’Eav e puntare sulla carreggiata opposta, urtando lievemente una vettura in sosta e terminando la sua folle corsa contro un taxi che procedeva nell’altro senso di marcia, vicino alla sede delle Assicurazioni Cattolica. Nell’impatto fortunatamente il conducente non ha riportato danni personali. Molto peggio è andata alla donna investita, che seppur cosciente dopo il violento urto ha riportato diversi traumi, mentre la donna alla guida della Hyundai è stata poi anch’ella condotta al Rizzoli per alcune lievi contusioni riportate durante la paurosa carambola.

La giovane donna al volante ha riportato solo lievi escoriazioni: trasportata all’ospedale, è stata ascoltata dai Carabinieri che indagano sull’accaduto. Nell’impatto l’auto ha anche abbattuto due alberi nell’aiuola che separa la carreggiata dal parcheggio del Tribunale

Un incidente che ha lasciato sgomenti quanti hanno assistito alla lunghissima sbandata, iniziata praticamente all’incrocio tra via Michele Mazzella e via delle Ginestre, proseguita sfiorando un ragazzino su un marciapiede, fino al drammatico epilogo, circa trecento metri dopo. Pur considerando la gravità dell’accaduto, con le serie ferite riportate dal pedone e la morte del cane, si può addirittura ritenere sorprendente che il bilancio non sia stato peggiore, vista la zona da sempre molto frequentata, con numerosi esercizi commerciali situati su una delle principali arterie stradali del territorio comunale. Va inoltre considerato che di solito i punti dove è passata l’automobile investitrice sono percorsi da numerosi pedoni, soprattutto avvocati impegnati nelle udienze del vicino Palazzo di giustizia, ma anche, negli orari di inizio e fine delle lezioni, dai ragazzi e dal personale delle scuole medie. Per combinazione entrambi gli edifici ieri erano chiusi: il Tribunale era stato infatti sottoposto a sanificazione dopo un caso di positività al covid tra gli avvocati, mentre la scuola non ha ancora ripreso le attività in presenza. Una combinazione che potrebbe aver evitato un epilogo altrimenti davvero tragico.

I militari hanno eseguito accurati rilievi sui vari punti interessati dall’incidente, operazioni che comprensibilmente hanno richiesto una deviazione del traffico: chi risaliva la strada in direzione Pilastri ha dovuto fare inversione in corrispondenza delle scuole medie, in pratica creando un temporaneo senso unico verso Piazza degli Eroi. I Carabinieri hanno poi ascoltato la guidatrice dell’auto che ha innescato il disastroso sinistro: al momento ovviamente non ci sono dichiarazioni ufficiali,ma pare che la giovane donna possa essere stata colta da un malore. Le indagini chiariranno gli aspetti ancora oscuri, a partire dai motivi dell’inusitata lunghezza e durata della sbandata.

Ads

Foto Franco Trani

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button