Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Caremar, si va verso un nuovo sciopero

di Sara Mattera

Ischia – Sono passati appena 10 giorni dall’ultimo sciopero della Caremar, tenutosi lo scorso 15 e 16 febbraio, ma già si respira nuovamente aria di protesta. É, infatti, all’orizzonte un nuovo sciopero.  A dichiarare l’ennesimo stato di agitazione, ancora una volta, l’Orsa Marittimi, il sindacato che ormai da mesi si batte contro le  decisioni contrattuali e lavorative adottate dal gruppo Snav- Rifim nei confronti dei lavoratori della suddetta compagnia di navigazione. Scelte che prevedevano, ricordiamo, un nuovo tipo di turnazione con conseguente riduzione dei tempi di riposo per i marittimi, possibili licenziamenti e contratti a tempo determinato. In queste ore, quindi, l’Orsa Marittimi ha manifestato la volontà di proclamare un nuovo sciopero di 24 ore per il prossimo 8 Marzo.  Le motivazioni che hanno indotto all’ennesimo stato di agitazione sono, ancora una volta, attribuibili ad un mancato accordo tra le parti interessate- sindacati e vertici della Caremar- e all’esito negativo dei precedenti scioperi che sembrano aver lasciato nell’indifferenza totale la compagine amministrativa della Caremar.  L’Orsa marittimi è, dunque, più che mai decisa a proseguire la propria battaglia in linea con le dichiarazioni espresse da parte del segretario generale del suddetto sindacato, Gennaro Bottiglieri, all’indomani dello sciopero di 48 ore dello scorso 15 e 16 febbraio, che si era detto più che mai pronto a proclamare un nuovo stato di agitazione, anche di 72 ore, qualora si fosse riscontrata un’ulteriore mancanza di trattative da parte dei vertici aziendali della compagnia di navigazione in questione.

CONTINUA A LEGGERE SU IL GOLFO IN EDICOLA

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex