Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Casamicciola, al vaglio la riapertura di Via Casamennella

CASAMICCIOLA TERME. È ormai prossima la riapertura di via Casamennella, nella parte alta di Casamicciola. L’importante arteria sarà oggetto dell’ordinanza sindacale che consentirà il recupero della viabilità in un tratto fondamentale della rete stradale, anche nell’ottica di una nuova ridefinizione dei confini della “zona rossa”. Le operazioni di messa in sicurezza della strada e degli edifici che vi si affacciano è proseguita senza sosta, e ieri mattina è stato effettuato un sopralluogo da parte dell’amministrazione: in presenza degli addetti della ditta che sta procedendo ai lavori, col direttore Enrico Iovene, sono giunti in via Casamennella il sindaco Castagna, insieme al consigliere Nunzia Piro, il geometra Antonio Piro, il responsabile dell’area tecnica ingegner Baldino con l’architetto Caterina Castagna.
La riapertura di via Casamennella consentirà ai tecnici della Procura di raggiungere via Serrato e la chiesa del Purgatorio, dove trovarono la morte Lina Balestrieri e Marilena Romanini durante il sisma, ed eseguire i rilievi e le varie operazioni peritali nell’ambito delle indagini successive al terremoto del 21 agosto 2017. Resta da effettuare una serie di operazioni collaterali, come il diserbo. Pare ormai certo che verrà riaperta anche gran parte di via D’Aloisio. Molti i cittadini che hanno partecipato alle operazioni di sopralluogo, che si sono estese anche alla Rita, presso la fonte delle acque minerali, dove si pensa a futuri interventi di ripristino. La riapertura è un primo importantissimo passo verso il difficile ritorno alla normalità.
Il sindaco Castagna ha dichiarato: «Il fatto che la strada venga riaperta non è certo un traguardo, ma è un inizio, che consente ai cittadini di transitare tra le case finalmente messe in sicurezza, e di procedere alla fase di ricostruzione con la dovuta calma. Lo studio della microzonazione di terzo livello è iniziata, Ischia è la terza zona a essere oggetto di uno studio di questo tipo. La possibilità di nuovo accesso a queste zone aiuta tali ricognizioni. C’è stata anche una certa confusione sull’ordinanza dei cosiddetti danni lievi, che non può certo riguardare zone come questa, dove i danneggiamenti sono di livello per lo più strutturale. Queste indagini sono di dettaglio, che potranno darci risultati ragionevolmente certi, in prospettiva-ricostruzione, nella quale non dovremo ripetere gli errori del post-1883. Quindi non soltanto riparare, ma anche programmare in modo tale che le generazioni futuri non incontrino queste difficoltà, ma anzi possano apprezzare la sicurezza che cercheremo di raggiungere ricostruendo ora. La messa in sicurezza di Casamennella avrà un doppio risultato: non solo permetterà alla Procura di concludere gli accertamenti, ma anche a far sì che diversi cittadini che qui hanno case agibili di potervi far ritorno in sicurezza, considerando anche le attività rurali della zona che vari abitanti detengono nei terreni circostanti. Un obiettivo, a livello legislativo, lo abbiamo già raggiunto. La procedura semplificata agevolerà l’esame delle istanze di sanatoria e il conseguente rilascio del titolo, indispensabile per ottenere i contributi di ricostruzione».

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x