Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Caserma dei Carabinieri, il Comune dispone il rilievo dei locali di Rione Genala

La vicenda relativa al ritorno in pianta stabile dei Carabinieri a Forio si arricchisce di un nuovo e positivo capitolo. A quasi cinque mesi dall’approvazione della delibera con cui la giunta Del Deo si impegnò a destinare lo stabile di Rione Genala alla fruizione dei militari dell’Arma – prevedendo anche l’investimento di 10mila euro per eventuali lavori di riadattamento dei locali – è stata recentemente pubblicata sull’albo pretorio una determina (la n° 1283 del 18 ottobre 2017), nella quale di dispone il rilievo del predetto immobile.

A renderlo noto è stato il responsabile dell’ottavo settore, l’ingegner Luca De Girolamo, che nella propria determina (avente ad oggetto proprio il “rilievo immobile Rione Genala da adibire a nuova caserma dei Carabinieri – affidamento di incarico”) ha ripercorso per grandi linee le principali tappe di questa travagliata vicenda, che fin dal 2014 – anno dell’addio alla storica caserma di via Matteo Verde – destò la preoccupazione di molti cittadini (la direttrice e consigliere Maria Chiara Conti in primis) e imprenditori locali, tra i quali spunta il presidente di Confesercenti Ischia Francesco Pezzullo, che attraverso interviste e note ha sollecitato più e più volte l’amministrazione comunale ad assumersi le proprie responsabilità.

Ritornando al testo della determina – e quindi agli step dell’intricato caso – nell’incipit del documento l’ingegner De Girolamo scrive: «In seguito alla chiusura del presidio dei Carabinieri in via Matteo Verde, avvenuto nel 2014, si è creato nel Comune di Forio un vuoto rilevante sia in termini di qualità ed efficienza del sistema di vigilanza e sicurezza sul territorio, sia in termini di servizio ai cittadini. Il forte disagio esternato dai cittadini e l’oggettiva carenza di una presenza costante delle forze dell’ordine sul territorio – evidenzia il professionista – ha portato l’amministrazione comunale ad intraprendere un dialogo con l’Arma dei Carabinieri al fine di permettere la riapertura di un nuovo presidio nel Comune di Forio»

«Tra gli immobili appartenenti al patrimonio comunale disponibile – prosegue l’ingegnere – si è individuato quale edificio da poter destinare a futura Caserma dei Carabinieri l’immobile sito al Rione Genala ed attualmente adibito ad uffici del Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta “Regno di Nettuno”». Dalla «relazione descrittiva redatta dal Settore I – Ufficio Patrimonio» emergono «la necessità di un ritorno della stazione dei Carabinieri sul territorio di Forio, l’individuazione e la descrizione dei locali da destinare a nuova caserma e la quantificazione del canone di locazione».

Ed è a questo punto della narrazione che entra in gioco l’atto deliberativo da noi citato all’inizio del presente articolo. «Con Delibera di G.M. n° 90 del 31/05/2017 si è […] deliberato di proporre quale edificio da destinare a nuova Caserma dei Carabinieri l’immobile sito al Rione Genala ed attualmente adibito ad uffici del Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta “Regno di Nettuno” e di farsi carico delle eventuali spese da sostenere per il riadattamento dei locali in funzione della nuova destinazione d’uso». Pertanto, si deve «procedere in tal senso all’affidamento di un incarico per un rilievo aggiornato dei locali di cui trattasi. Per le vie brevi è stato richiesto all’architetto Valentina Trofa, nata a Torre del Greco (Na) il 22/12/1984 e residente alla via provinciale Panza n° 125, […] di formulare la sua miglior offerta per il rilievo dell’immobile sito al Rione Genala ed attualmente adibito ad uffici del Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta “Regno di Nettuno”».

Ads

«Vista l’offerta presentata dal suddetto professionista, con prot. n. 27693 del 02/10/2017, per un corrispettivo pari ad € 500,00 al lordo della ritenuta d’acconto, ritenuta congrua e conveniente per l’ente», l’ingegner Luca De Girolamo – in qualità di capo dell’ottavo settore – ha determinato «di affidare all’arch. Valentina Trofa, nata a Torre del Greco (Na) il 22/12/1984 e residente alla Via Prov.le Panza n. 125 […] il rilievo dell’immobile sito al Rione Genala e attualmente adibito ad uffici del Consorzio di Gestione dell’Area Marina Protetta “Regno di Nettuno”, per un corrispettivo pari ad € 500,00, al lordo della ritenuta d’acconto».

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x