POLITICAPRIMO PIANO

Caterina Iacono difende Caredda: «Gli stagionali non hanno colore politico»

L’organizer del Meetup Amici di Beppe Grillo ischitano è scesa in campo accanto al rappresentante dell’associazione nazionale dei lavoratori finito nel mirino di Savio

Scende in campo Caterina Iacono in qualità di organizer del Meetup Amici di Beppe Grillo di Ischia in difesa di Ferdinando Caredda. «Sabato il nostro gruppo – ha detto l’architetto di Casamicciola – ha ricevuto del tutto gratuitamente da parte di Gennaro Savio. Un attacco inutile, rabbioso e vergognoso». E così la portavoce dei grillini isolana spiega: «Ferdinando Caredda è il delegato per le isole dell’Associazione Nazionale Lavoratori Stagionali ed in questi anni ha fatto un grande lavoro all’interno della sua associazione. Senza di lui, nessun stagionale preso il bonus di 600euro». Caterina Iacono poi, stigmatizza l’intervento di Gennaro Savio che, a suo dire «si è scagliato impunemente e per smania di un inutile protagonismo contro il Movimento Cinque Stelle Nazionale e contro il Meetup Amici di Beppe Grillo di Ischia dimenticando che l’onorevole Teresa Manzo, parlamentare eletta nel Movimento, grazie al suo intervento ha fatto sì che il Governo si impegnasse, attraverso ben due ordini del giorno, per i lavoratori stagionali.

Il primo, approvato a dicembre scorso, istituisce un sussidio adeguato alla categoria dei lavoratori stagionali diverso dalla Naspi – Nuova Assicurazione Sociale per l’Impiego – e l’altro lo scorso marzo grazie al quale è stato istituito il bonus dei 600 euro anche per i lavoratori stagionali». Ogni anno, infatti, vengono attivati 500mila contratti stagionali, la metà è rappresentata dagli stagionali fissi, lavorano sei mesi, per anni per la stessa azienda e nello stesso periodo. Un esercito di lavoratori che dal 2015 è in sofferenza. Con il Jobs Act è stato dimezzato il sussidio di disoccupazione. Gli stagionali lavoravano sei mesi e nei successivi sei percepivano il sussidio di disoccupazione. Con l’introduzione della Naspi, la nuova assicurazione sociale per l’impiego, l’ammortizzatore sociale voluto dal Jobs Act, il sussidio è stato ridotto a tre mesi. Questo costringe i lavoratori stagionali fissi a cercare altre soluzioni. E proprio in base a ciò la proposta, che vede come primo firmatario l’onorevole Teresa Manzo, prevede l’istituzione di un sussidio adeguato alla categoria degli stagionali diverso dalla Naspi. La proposta in questione è ‘nata’ sull’isola di Ischia con Ferdinando Caredda. Anche per questo la portavoce del Meetup isolano, ex candidata sindaco a Casamicciola non ci sta all’attacco subito. «Le problematiche sorte successivamente sulle tipologie contrattuali sbagliate – ha spiegato – che non hanno permesso di far prendere il bonus a tutti i lavoratori stagionali non sono addebitabili al Governo centrale. Sono i consulenti del lavoro, i datori di lavoro, gli albergatori, l’Inps ed i precedenti governi che non hanno mai affrontato legislativamente la questione dei contratti stagionali ancora fermi al decreto del 1963». Caterina Iacono ed il Movimento 5 stelle ischitano rinnovano l’impegno accanto agli stagionali. «La battaglia per i lavoratori stagionali – ha detto l’architetto – non ha bandiera e non devono esistere smanie di protagonismo». «Ognuno – incalza – faccia la sua parte tenendo lontano invidie e rivalità per il bene comune e della collettività». Sottolinea, poi, l’impegno del Meetup ‘Amici di Beppe Grillo di Ischia’ che «darà sempre sostegno all’ Associazione nazionale Lavoratori Stagionali nella persona del presidente nazionale Giovanni Cafagna e del suo delegato per le isole del Golfo di Napoli Ferdinando Caredda per il loro lavoro profuso per i lavoratori stagionali e solidarietà verso questo inutile attacco frutto di una ridicola gelosia di bandiera». Alza il tiro, poi Caterina Iacono: «Questo è il motivo per cui il malaffare imperversa per l’isola: le forze sane di Ischia non riescono a coalizzarsi per fare squadra e fronte comune. Finché esisteranno questi atteggiamenti la camorra continuerà a mangiarsi l’isola».  «Invito – chiosa l’organizer del Meetup Amici di Beppe Grillo dell’isola di Ischia – tutte le forze sane di Ischia, associazioni e cittadini semplici, a mettere da parte personalismi e cercare di fare squadra contro il malaffare e per il bene della collettività».

Tags

Articoli Correlati

Un commento

  1. Un’altro “Politico” che cerca visibilità sulle spalle della povera gente. Miss “6 voti” si illude di rappresentare qualcuno…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close