CULTURA & SOCIETA'

Chef Di Costanzo: «Grazie a tutti quelli che lavorano alla macchina organizzativa»

Tutto plastic free per l’Ischia Safari del Negombo dove, già dal primo anno, si sposò quest’importante causa pro ambiente

Ultimi dettagli anche per lo chef Nino DI Costanzo che, con la sua futura sposa Marianna, cura ogni aspetto di questo incredibile evento. «Quest’anno – racconta a noi de Il Golfo -abbiamo cercato di renderlo ancora più importante. La cena di galà che è già full da qualche giorno, vede grandissimi nomi Andrea Berton (protagonista de il ristorante degli chef rai 1 ndr) e ancora gli chef Padovan, Renato Bosco, e i più grandi maestri pasticcieri. C’è una grandissima richiesta di tutti gli chef italiani di partecipare al Safari che è aperto davvero a tutti. Non scegliamo i protagonisti per il loro nome, ma abbiamo anche nuovi ingressi non stellati». Tra i partecipanti anche gli studenti siciliani che, lo scorso anno, furono i destinatari della beneficenza. «C’è una forte energia, ma l’evento diventa sempre più impegnativo, costoso, difficile, se riusciamo nel nostro intento è grazie a sponsor importanti. Non s’immagina, ma dietro ci sono costi spaventosi, c’è un anno di lavoro pazzesco alle spalle d queste due serate». Tutto plastic free per l’Ischia Safari del Negombo dove, già dal primo anno, si sposò quest’importante causa pro ambiente. «Già da ora ringrazio tutti quelli che partecipano, dai cuochi agli artigiani del gusto: fanno investimenti per venire qua. Grazie al Regina Isabella, al Negombo, nelle persone dell’ing. Carriero e del Duca Camerini perché senza di loro non si potrebbe fare nulla. Sono tantissimi quelli a cui bisogna ringraziare, molti lavorano dietro le quinte e non si vedono e grazie pure ai tanti tra cuochi, pasticcieri e pizzaioli che hanno prolungato la loro venuta per fare qualche giorno di vacanza sull’isola». Chef DI Costanzo sarà tra i quindici chef che preparerà gli aperitivi per il Charity Dinner del 15 settembre, «preparerò una passeggiata napoletana, tanti piccoli assaggi di tutto ciò che propone la tradizione napolentana, mentre al Negombo farò un piatto della nostra tradizione, una rivisitazione della pasta alla povera: pasta in bianco con su un uovo fresco».

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close