ARCHIVIOARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

“Cittadinanza verde”, con Legambiente svolta green a Lacco Ameno

Gianluca Castagna | Lacco Ameno – E’ la prima in classifica tra le sei scuole dell’isola d’Ischia che hanno partecipato con successo al progetto “Scuola Viva”, intervento ideato e finanziato dalla Regione Campania per far emergere le potenzialità inespresse dell’universo scolastico campano e al tempo stesso contribuire a combattere il fenomeno della dispersione scolastica. Offrire cioè nelle ore pomeridiane iniziative culturali, sociali, artistiche e sportive agli studenti e alle famiglie nei contesti sociali più complessi.
L’Istituto Comprensivo “Vincenzo Mennella” di Lacco Ameno, grazie al suo progetto “Cittadinanza Verde”, è risultato al 180° posto su 450 ammessi e su ben 800 scuole della Regione Campania che hanno partecipato al bando. Un progetto che segna una svolta decisamente green per l’istituto scolastico di Lacco Ameno.
Foto quartaQuattro moduli, duecentoquaranta ore complessive, ottanta partecipanti suddivisi tra scuola dell’infanzia e scuola media. Tutto nel segno dell’educazione ambientale come strumento fondamentale per sensibilizzare i giovani studenti, i cittadini e la comunità (non solo di Lacco Ameno) ad una maggiore responsabilità e attenzione alle questioni ambientali e al buon governo del territorio. Sviluppo sostenibile, cultura del paesaggio, conservazione delle risorse, biodiversità, raccolta differenziata, ecosistema marino, ma anche educazione civica e culturale. L’educazione ambientale nella scuola scuola dell’infanzia e in quella secondaria di primo grado può e deve abbracciare tematiche e problemi quanto mai attuali, con i quali le nuove generazioni dovranno prima o poi confrontarsi. Meglio prima, magari con attività ludiche, leggere e appassionanti, sotto la supervisione di un’ associazione da sempre in prima linea nella tutela e nella valorizzazione del territorio: Legambiente.
La Onlus è infatti partner decisivo del progetto, insieme al Comune di Lacco Ameno che ha fortemente sostenuto l’IC “Mennella”, la preside prof.ssa Maria Beatrice Mancini e il vice-preside prof. Giovanni Iacono (progettista interno), nella candidatura di “Cittadinanza Verde” al progetto regionale di “Scuola Viva”.
Dunque quattro moduli (due per la scuola primaria, due per la scuola secondaria), presentati alla stampa, ai genitori e al corpo docente mercoledì pomeriggio nella sede della scuola media di Lacco Ameno. Il problema ecologico, locale certo, ma soprattutto globale, è perciò la vera sfida dei futuri cittadini. Valorizzare il patrimonio ambientale, produrre comportamenti virtuosi, acquisire conoscenze sul mondo naturale che ci circonda vuol dire creare qualità della vita, che non può prescindere dal recupero e dalla tutela delle migliori condizioni ambientali e dalla salvaguardia delle risorse del territorio e dell’intero pianeta. Lacco Ameno, territorio ricco di stimoli naturalistici e storici che consentono di sviluppare un’azione educativo-didattica su un’adeguata integrazione scuola-ambiente, è tuttavia carente di stimoli culturali alternativi a quelli istituzionali (cinema, teatro, biblioteca, spazi verdi attrezzati ecc.).
Foto principaleLa scuola, principale agenzia educativa del territorio, ha, quindi, il compito di fornire supporti adeguati all’alunno affinché sviluppi un’indentità aperta e consapevole improntata sull’ “essere”, sul “saper essere”, ma soprattutto sul sapersi confrontare con le criticità di un territorio che presenta dei rischi anche importanti – come ha sottolineato Peppe Mazzarra, presidente Legambiente Ischia – ma che vanno conosciuti con la leggerezza e la curiosità tutta positiva dell’infanzia.
All’incontro, i quattro moduli di “Cittadinanza Verde” sono stati illustrati dagli esperti coinvolti nel progetto: Lilly Cacace, Caterina Iacono, Marianna Lamonica, Anniria Punzo. Si comincia il 9 gennaio con “Se fossi un albero…”, il primo dei due moduli riservato ai bambini delle terze classi della primaria “V. Mennella”. L’Isola d’Ischia è nota come Isola Verde non a caso. Possiede infatti un’estesa copertura vegetale e un invidiabile grado di biodiversità. Finalità principale del modulo sarà la scoperta del legame che unisce esseri umani e piante per educare a una relazione rispettosa con l’ambiente. I ragazzi si avvicineranno al mondo vegetale attraverso un’attività di ricerca e scoperta e, ove possibile, di piantumazione e cura. Naturalmente in maniera piacevole e divertente, come sottolinea la docente esperta del modulo Lilly Cacace. «Quando i bambini si relazionano con le piante, cambiano subito atteggiamento. Il mondo vegetale permette loro di acquisire una visione sistemica, una relazione totalmente rispettosa dell’ambiente». Il mare, elemento vitale della nostra realtà di isola non può essere compreso senza la terra e viceversa: per questo vi sarà stretta collaborazione con il modulo “Il nostro mare, il nostro Regno”. Il mare che circonda l’isola d’Ischia costituisce un patrimonio inestimabile che trova fondamento nella contemporanea presenza di habitat diversi che determinano la convivenza di molteplici specie animali e vegetali in un ecosistema ad alta funzionalità biologica. Un vero e proprio laboratorio di cultura ambientale, arricchito da presenze di testimonianze archeologiche, storiche, dall’offerta di paesaggi unici e nella diffusa influenza sugli usi e costumi della sua popolazione. La finalità del modulo è la scoperta di quanto questo tesoro sia fondamentale per la vita degli isolani, sia dal punto di vista ambientale che turistico che economico. I contenuti del modulo saranno finalizzati a sviluppare nei giovani partecipanti la capacità di conoscerlo, comprenderlo e tutelarlo.
Foto quintaArmati di macchina fotografica, penna e taccuino, i ragazzi si improvviseranno poi piccoli protagonisti del mondo giornalistico, denunciando o apprezzando le criticità e gli aspetti positivi del territorio dell’Isola d’Ischia. Infine, attraverso un percorso che li porterà a diventare dei piccoli “assessori all’ambiente” i giovanissimi partecipanti realizzeranno un’esperienza di cittadinanza attiva dove apprenderanno e praticheranno i valori della socialità e della legalità. Arrivando a redigere delle delibere che presenteranno al consiglio comunale di Lacco Ameno.
In sintesi, quattro percorsi extrascolastici che, oltre a stimolare l’attenzione degli alunni attraverso il contatto con la Natura, si propongono di migliorare la socialità e la capacità di relazione e confronto con l’esterno grazie ad attività nuove e interessanti condotte in gruppo, favorendo l’integrazione e il protagonismo degli alunni. Per ogni modulo sono previste uscite sul campo, esperimenti, incontri ravvicinati con la natura ma anche con l’aspetto paesaggistico, culturale e architettonico del territorio. Iniziative libere, gratuite, aperte alla comunità per formare gli adulti di domani.
(photo: Franco Trani)

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close