CRONACA

Come evitare gli incendi,: il decalogo della CB Forio

Semplici divieti per evitare un fenomeno che può definirsi una piaga e per il quale non si attuano ancora i giusti deterrenti

La calda stagione è ormai inoltrata e il pericolo incendi è dietro l’angolo. Sabato scorso Santa Maria è andata in fiamme, due anni fa fu un’estate da dimenticare da questo punto di vista: bruciarono ettari ed ettari di terreno tra Ischia e la zona del Vesuvio. Il danno fu enorme. Per evitare un’altra estate da ricordare solo per gli incendi, l’Associazione Protezione civile Forio CB 1995 ha promosso una campagna circa i comportamenti da evitare per evitare gli incedi, un fenomeno che può definirsi una piaga e per il quale non si attuano ancora i giusti deterrenti.

“L’ esperienza sul campo – scrivono  –  ci porta ad affermare che sul nostro territorio la quasi totalità degli incendi è causata dall’uomo e per il 90% è dolosa. Per quanto riguarda la prevenzione, sul nostro territorio le ordinanze che vietano gli abbruciamenti sono una diversa dall’altra e poco incisive. Stesso discorso per la lotta attiva agli incendi, che puo’ contare su un unico distaccamento dei Vigili del Fuoco il quale, molto spesso, data la conformazione del territorio non riesce a far fronte a due eventi in contemporanea.

Poi ci sono i gruppi di VOLONTARI di Protezione Civile, di cui ci onoriamo di appartenere, persone che, per scelta di vita, mettono a disposizione il loro tempo e le loro capacità a supporto degli Enti Istituzionali. Obbligati, giustamente, a rispettare le sempre più severe normative in materia di sicurezza ma allo stesso tempo non tenuti nella giusta considerazione dagli enti preposti. Nel nostro piccolo cerchiamo di mettere in campo il meglio delle nostre competenze sia nella prevenzione con l’uso di nuove tecnologie ed incontri pubblici, sia nella lotta attiva con l’operatività di personale addestrato, ma con “POCHI MEZZI” . Comunque restiamo dei VOLONTARI. Un grande supporto lo puoi dare tu seguendo delle semplici regole”.

Impresse su di un volantino colorato ecco le regole da seguire, anzi le cose da vietare: accensione di fuoco all’interno di giardini e/o campi aperti, soprattutto l’abbruciamento di residui vegetali agricoli, strumenti di lavoro che producono scintille e fiamme, parcheggiare auto sopra erba o foglie secche, fuochi pirotecnici o lanterne cinesi, gettare mozziconi di sigaretta. Due anni fa l’iniziativa “anti incendi” partì da alcuni bambini ischitani che, con una simbolica foto, misero in atto una protesta contro i piromani. Nel vedere la zona di Monte Vico che, due estati fa, fu colpita da un tremendo incendio che lambì persino alcune abitazioni, i bambini interrogarono le loro operatrici su quanto fosse accaduto. Fu spiegato loro dell’esistenza dei piromani  ai quali, i bambini, decisero di lanciare un messaggio. Al grido di viva la natura che va rispettata ad ogni costo,  raccolsero rami secchi, pigne e aghi di pino tutt’intorno costruendo così un albero. Posizionatisi tutti in cerchio, posarono per lo scatto, subito diventato virale, con un cartello con su scritto il messaggio per i piromani: “basta incendi. Noi bambini abbiamo bisogno della natura”.  

La foto fu subito condivisa anche da “Hop storie im-possibili”, organizzazione no profit che racconta le storie di eroi quotidiani e quella dei bambini ischitani, che si sono uniti per dire basta agli incendi, è senz’altro una storia da raccontare. Furono i bambini, quella volta, a mandare, con una semplicità disarmante, un messaggio forte come le fiamme che in quei giorni occuparono le prime pagine di tutti  i quotidiani. Non solo in terra ferma, ma anche qui a Ischia, ettari di vegetazione andarono in fumo, una zona dopo l’altra. Sembrò quasi essere diventata una routine alzare gli occhi al cielo e vedere, prima delle stelle, una coltre di fumo e alte fiamme. Un appuntamento, quello con gli incendi estivi, che speriamo di non dover rinnovare.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close