Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Commercio di Natale, sorridono gli esercenti ma gli e-shop fanno paura

L’affluenza di turisti durante il periodo natalizio ha portato ottimismo a un comparto abbastanza asfittico. Le opinioni di Bottiglieri e Pezzullo

Finite le feste è tempo di bilanci per l’isola. Le vacanze natalizie hanno portato sull’isola un buon numero di turisti, di quelli che non hanno paura di spendere qualche soldo in più in vacanza. I porti gremiti di turisti che sbarcano dai traghetti, gli alberghi che riaprono per accogliere gli ospiti, i numerosi eventi popolati non solo da isolani, ma soprattutto da accenti provenienti da tutto l’arco della penisola. Questa è l’isola felice che ogni isolano vorrebbe vedere ogni giorno e che fortunatamente ha baciato le vacanze di Natale in un’affluenza di turisti che dona ottimismo al settore alberghiero ischitano, e anche al comparto del commercio.

Marco Bottiglieri – referente Aicast per l’isola d’Ischia – non nasconde il proprio moderato ottimismo. “Tutto sommato – spiega il gioielliere di Corso Vittoria Colonna – il periodo natalizio non è andato male. Nonostante la crisi, le vendite online in forte crescita e il pessimo tempo che ha disincentivato i turisti a passare le vacanze natalizie a Ischia, la spesa media nel periodo di Natale è aumentata rispetto gli altri analoghi periodi. Quindi meno turisti , ma più qualità. Sicuramente meno vendite, ma più incassi. Un dato – spiega Bottiglieri che non abbraccia tutti i settori merceologici, ma riguarda soprattutto quelle attività che lavorano con un prodotto più di nicchia”. Il ritorno a Ischia di un acquirente di qualità, che non disegna di portare a casa un ricordo dell’isola non certo “cheap” riporta alla memoria i periodi felici in cui l’isola era popolata per lo più da un turismo di maggiore qualità. “Questo dato – sottolinea Marco Bottiglieri – ci fa ben sperare per il futuro. E di questi tempi un po’ di ottimismo non guasta”.

Meno ottimista Francesco Pezzullo, presidente Confesercenti Ischia che nonostante non neghi un lieve miglioramento degli acquisti dal 27 dicembre al 4 gennaio ricorda le minacce degli e-commerce che continuano a strappare acquirenti ai negozi fisici dislocati sul territorio. “Il black Friday ha inciso particolarmente sul mercato e ormai gli e-commerce continuano a togliere le vendite al negozio. Secondo i dati – sottolinea Pezzullo – sull’isola si fanno quasi 3.000 consegne giornaliere e il 90 % di questo giro proviene dalle vendite online. Il motore dell’isola rimane il turismo, unica risorsa. E’ avvilente pensare – sottolinea Pezzullo – che solo l’arrivo dei turisti riesce a muovere qualcosa nel nostro comparto. Gli isolani invece stanno perdendo il piacere di fare acquisti nei negozi”.

LA CAMPAGNA “BOICOTTA GLI E-SHOP”

La minaccia degli e-shop ha già mosso gli esercenti verso un’iniziativa senza precedenti. La campagna inaugurata prima di Natale mira alla sensibilizzazione rivolta a tutti i cittadini dell’Isola, affinché limitino o magari eliminino gli acquisti web dove i prodotti acquistati on line spesso si trovano alle stesse condizioni in loco, preferendo il commercio locale e il negozio “vicino casa” spendendo sul territorio e generando in parte “sistema” di ricircolo economico, contestualmente sollecitando gli esercenti a fare ulteriori sforzi per venire incontro alla clientela (es. sconti e servizi aggiuntivi). Fino al 31 gennaio continua così la campagna per sensibilizzare la cittadinanza per acquistare meno on line e più dal vivo.

Ads

Ads

Articoli Correlati

Un commento

  1. In verità questa “qualità” io non l’ho vista……..piuttosto vedo che aumentano sempre di più i negozi sfitti…..
    Ma se fosse vero che durante le festività natalizie si sono visti più turisti di qualità,mi chiedo che idea si saranno fatti dei commercianti ischitani che con la complicità del sindaco,hanno voluto il traffico aperto a tutte le ore del giorno nei centri storici.

Rispondi

Back to top button