CRONACA

Con la febbre in municipio, ma il test rapido è negativo

Il controllo con il termo scanner ad una donna convocata per il colloquio legata a 13 borse lavoro “spaventa”, poi l’esame praticato dal dottor Vincenzo D’Ambrosio tranquillizza tutti

Una scena non certamente rara, anzi di quelle che probabilmente si vedono spesso di questi tempi ed alle quali non resta di augurarci di non dover assistere ancora a lungo. Siamo in periodi di coronavirus e dunque in un arco temporale in cui praticamente è vietato essere colpiti da un attacco febbrile. Perché altrimenti, al netto di quella che possa essere l’origine del problema di salute, l’incubo Covid-19 farebbe drizzare i capelli a tutti. Ed è esattamente quello che si è verificato nella tarda mattinata di ieri presso il municipio di Casamicciola, nei locali dell’ex Capricho. Era da poco trascorso mezzogiorno quando all’ingresso della casa comunale si è presentata una donna, che avrebbe dovuto svolgere il colloquio legato alle tredici borse lavoro per il controllo delle spiagge libere fino alla fine di settembre.

Il protocollo prevedeva che per accedere alla stanza dove era riunita la commissione esaminatrice bisognava indossare obbligatoriamente la mascherina e soprattutto essere sottoposti al controllo della temperatura attraverso termo scanner. Ebbene, al controllo la donna risultava avere una temperatura corporea di 38 gradi, il che ha fatto immediatamente scattare il cosiddetto “allarme rosso”. Qualche minuto di apprensione poi sono state adottate le contromisure del caso: il soggetto in questione è stata invitata a recarsi dal dottor Vincenzo D’Ambrosio ed è stata sottoposta a test rapido, il cui esito si è rivelato negativo. Tirato tutti – l’interessata in primis, evidentemente – un sospiro di sollievo, la candidata ha svolto sia pure in ritardo il suo colloquio e la calma ha tornato a regnare sovrana. Anche se va detto che oggettivamente la situazione era stata gestita con calma e senza che ci fossero scene di isterismo o qualcosa di simile.

Articoli Correlati

Un commento

  1. No scusate, ma che “la calma HA TORNATO a regnare…….” non si può sentire, né tantomeno leggere!!!!! Non è un errore, è un ORRORE grande quanto una casa!!!!!!

Rispondi

Back to top button