CRONACA

Concessioni demaniali, il rinnovo resta un rebus: anche l’isola s’interroga

Dopo il decreto-concorrenza, il governo attende la decisione del Consiglio di Stato sull’applicazione della direttiva Bolkestein

Sulla questione delle concessioni balneari, il governo ha preso tempo. Il nuovo “decreto concorrenza” non fa cenno alla riassegnazione tramite nuove gare per le concessioni, limitandosi a imporre l’avvio della mappatura del demanio marittimo, dunque a censire le concessioni stesse. Dunque, almeno per adesso, l’Italia non applicherà la famigerata direttiva Bolkestein che nel 2006 chiedeva ai Paesi europei la liberalizzazione delle concessioni, da riassegnare tramite gare pubbliche. Come si ricorderà, il nostro Paese aveva varato una proroga fino al 2033 compreso per tutte le concessioni. Intanto, un mese fa il Consiglio di Stato in adunanza plenaria ha iniziato l’esame della questione per cercare di dare un orientamento univoco sul tema, ma prima di fine anno non arriverà una decisione. E il Governo Draghi ha già fatto sapere di voler attendere tale verdetto prima di elaborare una norma per il settore. L’Unione Europea continua a tener d’occhio l’Italia, col Commissario Ue che parla di vera e propria violazione del diritto europeo.

Giuseppe La Franca: «Sull’isola le proroghe sono già state concesse, quindi siamo sereni, e poi fu lo stesso ex commissario Bolkestein a specificare che il settore dei balneari era escluso dal raggio d’azione della sua direttiva»
Giuseppe La Franca: «Sull’isola le proroghe sono già state concesse, quindi siamo sereni, e poi fu lo stesso ex commissario Bolkestein a specificare che il settore dei balneari era escluso dal raggio d’azione della sua direttiva»

La cosa non sembra preoccupare i balneari di Ischia. Giuseppe La Franca, presidente Fiba Confesercenti Ischia, ha infatti ribadito che non dovrebbero esserci pericoli per l’estensione al 2033 delle concessioni: «Da quindici anni si parla di questa direttiva europea, ma lo stesso ex commissario Bolkestein aveva precisato che la categoria dei balneari non rientrava nella direttiva che da lui prende il nome. Anche per questo abbiamo potuto ottenere la proroga delle concessioni. Purtroppo scontiamo una cattiva informazione, dovuta anche all’opposizione dei 5 Stelle che continua ad attaccare la categoria dei balneari, in particolare per problematiche che in realtà riguardano soltanto siti ben determinati, come il litorale di Ostia, ma purtroppo fanno di tutta l’erba un fascio. Resta così una spada di Damocle su noi balneari, che non ci consente di lavorare tranquillamente. In ogni caso a Ischia siamo sereni: le proroghe sono state emesse. Noi come Fiba Confesercenti abbiamo sempre sostenuto che i balneari non rientrano nella categoria dei servizi soggetti alla Bolkestein, visto che il nostro settore ha problematiche diverse e peculiari rispetto ad altri settori. Ogni concessione va esaminata caso per caso. Altri comuni non hanno invece proceduto alle proroghe, anche a causa della pandemia. Ma la strada del Governo è quella già tracciata da due anni, e la mappatura risponde a ciò che all’epoca era stato deciso. Tra l’altro per aree non ancora date in concessione, ma concedibili, lo Stato può già procedere a gara. La normativa generale comunque è in itinere, perché il governo intende aspettare il Consiglio di Stato e insieme alla mappatura cercare di stendere una legge equa. Noi chiediamo comunque maggiore rispetto per la nostra categoria, che viene da due anni di lavoro ridotto a causa dei ben noti problemi di emergenza sanitaria».

Ciro Frallicciardi: «Giusto attendere la decisione del Consiglio di Stato e l’esito del dialogo con la Commissione Europea. Credo che in ogni caso toccherà al governo dirimere gli interrogativi che aleggiano sul settore»
Ciro Frallicciardi: «Giusto attendere la decisione del Consiglio di Stato e l’esito del dialogo con la Commissione Europea. Credo che in ogni caso toccherà al governo dirimere gli interrogativi che aleggiano sul settore»

Ciro Frallicciardi, capogruppo di maggioranza a Casamicciola e delegato al Demanio, fa una riflessione articolata sul modo in cui il governo sta affrontando la questione che si sta trascinando ormai da ben tre lustri: «Il punto focale non è “se”, ma “come” applicare al settore balneare il diritto europeo e la direttiva Bolkestein. Sono convinto che il governo abbia preso la decisione più giusta e saggia nel voler attendere il verdetto del Consiglio di Stato e del dialogo in atto con gli uffici della Commissione europea e contemporaneamente iniziare una ricognizione dell’attuale situazione utile proprio per accertare se si possa parlare di “scarsità della risorsa“, circostanza che costituisce il pre-requisito per l’applicazione della direttiva Bolkestein oltre che l’esistenza o meno del “legittimo affidamento” e, infine, il diritto dei concessionari a vedersi riconosciuto il valore aziendale». Il consigliere continua: «Dopo la decisione del Consiglio di Stato, il governo potrebbe adeguarsi, anche tramite il Milleproroghe, per fare ordine nella materia, fin qui caratterizzata da numerose pronunce giurisprudenziali anche in contrasto tra loro. Bisogna quindi attendere. Addirittura c’è chi paventa che il Consiglio di Stato potesse demandare la vicenda alla Corte Europea di Giustizia. Se così dovesse essere, a quel punto credo che non si potrebbe fare a meno di andare a gara». Ma questa eventualità fa sorgere nuovi interrogativi, come spiega Frallicciardi: «Se le concessioni verranno messe a gara, chi stabilirà i requisiti, e quali saranno? Si aprirà un altro fronte. Ecco quindi l’importanza dei prossimi mesi, nei quali credo che toccherà al governo dirimere tali interrogativi, anche perché c’è da valutare pure i costi delle procedure d’infrazione». Il riferimento è fondato, in quanto l’Italia ha già subìto due procedure d’infrazione, fino ad attirare l’attenzione del Garante della concorrenza, che chiese conto di alcuni dati sulle concessioni anche al Comune di Casamicciola. Per ora, quindi, il settore (e il governo) attende il responso del Consiglio di Stato.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex