ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Condono,Enzo Ferrandino, «Parità di trattamento per garantire l’uniforme recupero del patrimonio edilizio»

«Penso che sia giusta la strada dell’uniformità di trattamento su tutto il territorio comunale delle normative sull’edilizia, così come quelle relative al trattamento dei danni immateriali di cui abbiamo sofferto in seguito al sisma del 2017,riverberatisi in un calo dei flussi turistici.   Chiaramente le cose stanno diversamente in merito alle misure di sostegno alle aziende le cui infrastrutture sono materialmente danneggiate dal sisma, per le quali c’è bisogno di una tutela specifica. Tuttavia, garantire strumenti urbanistici tali da recuperare le varie strutture presenti sull’isola, che comunque è un territorio di origine vulcanica, quindi esposto a un rischio sismico, è una priorità: adottare l’uniformità di trattamento anche in tema di sanatoria può essere il viatico opportuno per consentire una ristrutturazione sismica dei vari immobili presenti sul territorio, siano essi soggetti al primo, al secondo o al terzo condono. Il patrimonio edilizio va senza dubbio recuperato e adeguato alle più recenti normative antisismiche, quindi occorre l’uniformità, senza trattamenti differenziati. A un certo punto si era anche parlato di un’applicabilità del terzo condono ai soli immobili ubicati nei Comuni di Casamicciola, Lacco Ameno e Forio: questa sarebbe stata una iattura. Cosa diversa se tale previsione sia limitata ai soli immobili danneggiati, tuttavia ribadisco: è più opportuno uniformare l’intera isola a un unico trattamento normativo, vista la sua indiscussa e indiscutibile origine vulcanica e quindi, come detto, all’esposizione dei rischi sismici nella loro complessità».

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button