CRONACA

Conto ai raggi X, il mistero dello scontrino diventa un caso

La ricevuta fiscale condivisa nel web ha scatenato la curiosità di centinaia di utenti. Il conto in linea con i prezzi per una cena di pesce ha suscitato la levata di scudi in difesa dei ristoratori dell’isola ma il numero esiguo di battute sullo scontrino che forse qualche ricevuta è stata persa per strada

Una cena in due all’insegna del relax, del buon cibo in uno dei ristoranti più panoramici dell’isola. Una bella serata come solo i bei locali dell’isola sanno offrire. Arriva il conto e con esso anche la sorpresa e lo stupore. Secondo il cliente che ha consumato una cena per due nel conto c’è qualcosa che non va. Ed ecco l’irresistibile tentazione di fotografare lo scontrino e di condividerlo sul web con il chiaro intento di suscitare l’indignazione popolare. Ma qualcosa non va nel verso giusto, almeno nelle aspettative di chi ha deciso di condividere il foglietto bianco dove un locale dei Maronti ha servito un piatto ai sapori di mare, probabilmente un antipasto, per 25 euro, un bicchiere di biancolella per 6,50 euro 1 litro di acqua naturale a 2.50 euro, un fritto di gamberi e calamari a 14 euro e infine un dolce a 4 euro. Totale della spesa per una cena a base di pesce 55 euro. Lo scontrino finisce sul web e in un uno dei gruppi più popolati del Social Network con una domanda associato a una domanda ben precisa: “cosa vedete di strano?”

Le risposte, a centinaia, non si sono fatte attendere. Il tenore medio è di altrettanto stupore, ma stavolta per la normalità dello scontrino e del conto presentato per una cena a base di pesce. “C’è scritto 2 per 1 coperto €1.50 che fanno €3.00, quasi neanche alla pescheria si paga così poco e poi da premettere che stai in una delle baie più belle!” “Nulla di strano si nota…- evidenzia Teresa – .se uno vuole pagare di meno cucina a casa” Vittorio specifica “Se fosse stato qui a Milano anche il dolce sarebbe costato quanto il vino e con quel prezzo si sarebbe mangiato in uno…. Senza il panorama dei Maronti”

Insomma, la levata di scudi per proteggere un conto nella norma è stata immediata a dimostrazione che il buon senso ha prevalso e che l’era dell’indignazione gratuita per dei conti di ristoranti a Ischia risultano essere in linea con quanto offerto.

Ma forse sono tutti fuori strada, c’è anche chi fa notare che forse per l’orario segnato sullo scontrino, ovvero ben oltre le 22.00 il fatto che quello sia solo il 67estimo scontrino possa essere un numero non in linea con il numero di presenze che si può immaginare abbia invece totalizzato il ristorante situato presso una delle spiagge dei Maronti, proprio lì dove giusto qualche giorno fa un elicottero della guardia di finanza ha individuato e sequestrato decine di piante di marijuana coltivate a poche centinaia di metri dal ristorante in questione.

Annuncio

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close