ARCHIVIO 3ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5POLITICA

Il convento di sant’Antonio e il seminario si offrano per gli alunni terremotati

La scuola dell’isola d’ Ischia vive in questi  giorni del dopo terremoto che colpi il 21 agosto scorso la parte alta di Casamiciola e parte di Lacco Ameno provocando  due morti , decine di feriti , a oggi 1.800 sfollati di cui 1.200 sistemati negli alberghi dell’isola e  centinaia di case parzialmente e totalmente inagibili. A questo impressionante bilancio  va aggiunta  l’ inagibilità dei plessi scolastici sui territori di Casamicciola e Lacco Ameno per completare un quadro dove i disagi per tutti sono enormi. La situazione scolastica di Casamicciola in particolare e di Lacco Ameno  è di quelle che non ammettono  superficialità e ritardi negli interventi  per aumentare il caos già in corso fra  plessi scolastici ospitanti di altri comuni isolani e ragazzi sfortunati  in accoglienza. La gara di solidarietà in atto in tutta l’isola all’indirizzo della scuola locale è encomiabile ma sempre non  abbastanza per diminuire i disagi che gli studenti delle medie, delle elementari e bambini delle primine e dell’asilo con le proprie famiglie stanno patendo ogni giorno, costretti come sono a vivere una quotidianità lontana dalla normalità. Gli episodi particolari che ti fanno capire che non sarà semplice uscire da questo stato di anormalità per gli effetti devastanti del sisma, non mancano. Ad esempio il sindaco di Lacco Ameno Giacomo Pascale per trovare una sistemazione all’asilo pubblico ha dovuto requisire quello privato gestito dalle suore.

A Casamiciola secondo gli ultimi dati, 800 bambini  dell’Istituto Comprensivo E. Ibsen (con le sedi  De Gasperi, Ibsen, Manzoni e Lembo;  l’Istituto Tecnico “E. Mattei”; il “Cristofaro Mennella” con i plessi del San Severino (biennio del Nautico) e il Termico di via Salvatore Girardi) subiscono il disagio non da poco di seguire le lezione col doppio turno nei plessi scolastici di Ischia, vedendosi  quindi privati di quella libertà pomeridiana che vissuta nella normalità fa bene alla scioltezza intellettiva di ogni singolo soggetto. A Casamicciola, il Comune particolarmente colpito, nessun edificio scolastico ha i requisiti minimi di agibilità per far fronte in sicurezza al potenziale di 1.500 alunni della realtà scolastica locale fra asilo, elementari, medie e scuole superiori. Secondo il Capo della Protezione Civile Giuseppe Grimaldi  operante nel centro operativo  dell’ ex Calise di piazza Marina  che, dei 94 edifici scolastici dell’isola d’ Ischia, solo 11 sono agibili in condizioni di “minima sicurezza” su di una popolazione di 13mila studenti sul nostro territorio isolano. Quindi, alla luce di questi dati abbastanza sconfortanti, fin’ora non smentiti, dobbiamo dire che siamo davvero messi male. Casamicciola, solo per le elementari, ha spedito a Ischia oltre 400 ragazzi. “Grazie alla disponibilità dei colleghi di Ischia, ha dichiarata  la dirigente del Circolo  didattico casamicciolese  professoressa Marinella Allocca, abbiamo trovato l’accoglienza su un sistema dei doppi turni che stiamo alternando  su scala mensile  fra le comunità scolastiche  dei due Comuni.”

In pratica gli alunni di Ischia frequentano di mattina e quelli di Casamicciola di pomeriggio. Un anno scolastico quello del 2017-18 qui a Ischia, per la scuola ospitante ed ospitata per via del sisma del 21 agosto scorso,  iniziato col disagio e la tristezza,  prosegue oggi all’insegna della speranza in un immediato futuro che porti almeno minimi di certezze per tutti quei ragazzi terremotai che pur accolti con amore nelle altre scuola dell’isola, lo stesso si ritengono “sbandati” per una sorte che non gli ha sorriso, anche se alla scuola media  Scotti di Ischia l’accoglienza per i ragazzi terremotati di casamicciola è stata festosa e con tanto di “Benvenuti” in segno di pura fratellanza. La dirigente della scuola Scotti di Ischia Patrizia Rossetti nell’accoglienza ha detto:” Benvenuti fra noi, siamo felici di avervi qui perché rappresentate per tutti una occasione di crescita civile”. Non da meno è avvenuto al Marconi di Ischia dove la dirigente Lidia Gentile ha accolto e salutato i bambini destinati alla sua scuola di via Casciaro. Coommovente e significativo è stato il momento in cui la drigente di Casamicciola Alloca, la fiduciaria Daniela Di Iorio e il sindaco di Casamicciola Giovan Battista Castagna hanno presenziato al “trasferimento” dei propri bambini delle prime elementari da Casamicciolla a Ischia.

Il Sindaco Castagna rivolgendosi a quei  bambini forse ignari di ciò che è accaduto la sera del 21 agosto scorso alle proprie famiglie,  salutandoli ha detto come un padre fa con i suoi figli “Siate orgogliosi perché la nostra è un a terra che  tante volte ha trovato la forza di risollevarsi. Voi siete il nostro futuro e insieme lotteremo per darvi una nuova scuola”. C’e il problema di queste ore della messa in sicurezza sull’intero territorio ben tre istituti superiori, due medie, quattro elementari e tre asili. Centinaia di studenti e bambini con hanno più una scuola. L’isola solidale a tutti i livelli c’è, e lo sta dimostrando in questi giorni con donazioni e manifestazioni d sostegno. Per la scuola che soffre va fatto di più. I sei milioni di euro elargiti dallo Stato per l’emergenza vadano spesi bene. Chi può per dimostrare la propria vicinanza concreta alla popolazione scolastica disorientata lo faccia.

La proposta da Sarah  Mazzella figlia di Giuseppe Mazzella che insieme a Gino Barbieri con una petizione hanno chiesto a l’Ente Morale la donazione al Comune di Casamicciola della vecchia e cadente struttura del Mio Monte della Misericordia, è interessante, ma forse poco praticabile. Piùttosto, per aiutare concretamente ed in tempi rapidi, la popolazione scolastica colpita dal terremoti, si facciano avanti ll Padre Superiore Mario Lauro ed il Vescovo Mons. Pietro Lagnese ed offrano i locali disponibili rispettivamente del Convento di S. Antonio alla Mandra e del Seminario ad Ischia Ponte. Sarebbe un gesto straordinario  che tutta l’isola e non solo apprezzerebbe.

Ads

Antonio Lubrano (antoniolubrano1941@gmail.com)                                                                                                          

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button