CRONACAPRIMO PIANO

«Così ho evitato una truffa da 10.000 euro»

Il racconto a Il Golfo di Giuseppina, anziana casamicciolese che ha consegnato in due distinti momenti 5.400 euro ad un 17enne napoletano che aveva messo in atto la truffa del finto nipote. L’intervento della ps consente di acciuffare il delinquente e la nonnina goisce: «I poliziotti sono stati i miei angeli, li ringrazio di cuore»

Per una volta cominciamo da lei, dalla vittima. La signora Giuseppina (nome di fantasia, non ha voluto rivelare le sue generalità né tantomeno essere fotografata) è l’ultima vittima in ordine di tempo di una serie di truffe agli anziani perpetrate negli ultimi giorni sul nostro territorio. Dove soprattutto i tentativi di truffa si sono sprecati. Giuseppina, dicevamo, l’abbiamo intercettata all’esterno del commissariato di polizia di Ischia ed è proprio per gli agenti che spende parole al miele: “Devo ringraziare tutto il personale di polizia – spiega – sono stati eccezionali, è soltanto grazie a loro se sono riuscita a tornare in possesso dei soldi che mi erano stati sottratti con l’inganno”. Al cronista racconta anche l’episodio nei dettagli: “Abito a Casamicciola, in mattinata ho ricevuto una telefonata. La voce sembrava davvero quella di mio nipote Vincenzo, che mi riferiva che c’era la necessità di consegnare una somma di denaro ad una persona che sarebbe passata presso la mia abitazione. Quei soldi sarebbero serviti per l’acquisto di alcuni computer”.

Giuseppina prosegue il suo racconto: “Ho consegnato una prima tranche di 1.900 euro, poi altri 3.500 in seconda battuta. A un certo punto, a ora di pranzo, è passato mio nipote Vincenzo e ovviamente a lui ho chiesto di portare gli altri 5.000 euro all’incaricato. A quel punto lui mi ha spiegato di essere stata truffata”. Scatta l’immediata denuncia agli agenti del commissariato di polizia, guidato dal vicequestore Ciro Re, che immediatamente si attivano per risalire all’autore dell’ignobile crimine. Verrà nel pomeriggio identificato e fermato: si tratterebbe, secondo alcune indiscrezioni, di un 17enne napoletano già pluripregiudicato che è stato denunciato all’autorità giudiziaria. I soldi sottratti a Giuseppina sono stati tutti recuperati, fino all’ultimo euro, e anche per questo la nonnina ci esorta una volta di più: “Scrivete che i poliziotti sono stati fantastici, di una professionalità unica. E, soprattutto, informate la cittadinanza di quello che sta succedendo”.

Ha detto bene, Giuseppina, perché quello di ieri è stato un sabato nero. Il ragazzo infatti aveva tentato già una truffa in quel di Barano, dove era giunto con un microtaxi preso ad Ischia Porto. Lo stesso mezzo di trasporto che poi – pur non potendolo fare, regolamento alla mano – da Barano lo aveva traghettato nella zona centrale di Casamicciola, dove ha messo a segno quel colpo che senza l’intervento del personale guidato dal vicequestore Ciro Re non sarebbe stato nemmeno l’ultimo. Intanto proprio in serata ci è giunta voce di un’altra tentata truffa perpetrata ai danni di un’anziana nella zona di San Ciro a Ischia. Anche in questo caso l’episodio è stato denunciato presso gli uffici del commissariato di via delle Terme e anche stavolta il responsabile sarebbe stato assicurato alla giustizia e deferito all’autorità giudiziaria.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex