ARCHIVIO 4

Dalla Toscana borse di studio per i tre fratellini vittime del sisma del 21 agosto

dalla redazione

Ischia – Continua la gara di solidarietà da tutta Italia per la nostra isola colpita, lo scorso 21 agosto, da un sisma che ha distrutto la parte alta di Casamicciola e Lacco Ameno. Questa volta è il Comune di Fucecchio e l’Associazione Nazionale Vigili del Fuoco a dare un segnale forte e concreto assegnando sette borse di studio ai giovani che hanno vissuto le calamità non solo di Ischia, ma anche di Rigopiano dove il 18 gennaio scorso una slavina, distaccatasi da una cresta sovrastante, ha investito l’albergo Rigopiano-Gran Sasso Resort, causando ventinove vittime. «Il terremoto si è fatto sentire tra la Campania e l’Abruzzo in due gravi circostanze, ma una parte di Toscana vuole mostrare tutta la sua solidarietà. L’iniziativa delle borse di studio è possibile grazie a una sinergia tra pubblico e privato. Alcune eccellenze del territorio, aziende toscane, – contattate dai Vigili del Fuoco – hanno deciso di dare la propria cospicua parte per le borse di studio». Così si legge dal comunicato stampa tra le motivazioni dell’evento. Sabato prossimo, 2 dicembre, a partire dalle ore 11:00  si terrà al Teatro Pacini di Fucecchio la cerimonia ‘Aiutiamo l’Italia a crescere’. Tra le autorità presenti il Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, protagonista nei giorni difficili successivi al sisma; sarà dinanzi a loro e alle Istituzioni del comune toscano  che verranno  consegnate le borse di studio. I minori, studenti alle elementari e alle medie, saranno per qualche giorno a Fucecchio e saranno accolti da quattro classi della scuola Montanelli-Petrarca; visiteranno la città e riceveranno l’omaggio. “I ragazzi di Ischia e Rigopiano – questo quanto dichiarato dal sindaco di Fucecchio Alessio Spinelli al portale gonews- sono stati privati degli affetti più cari. Vogliamo premiare loro ma simbolicamente diamo un abbraccio alle comunità colpite dal sisma. Vogliamo pure rendere omaggio all’impegno dei Vigili del Fuoco, un lavoro costante e quotidiano. Parlare di lavoro forse è riduttivo, perché rischiare la propria vita per salvare gli altri è qualcosa di più”. All’evento benefico parteciperà anche l’ingegnere dei Vigili del Fuoco Nicola Ciannelli; originario del comune di Lacco Ameno, l’ing.Ciannelli è uno dei dirigenti della squadra speciale USAR (Urban Search & Rescue) coinvolta nelle operazioni di salvataggio sia a Rigopiano che a Casamicciola il 21 agosto scorso. Un’altra piccola buona notizia per Ciro, Mattias e Pasqualino attorniati, ancora una volta, da tanto, tantissimo affetto, che servirà a lenire le ferite interiori lasciate da quella notte trascorsa sotto le macerie. Neppure un mese fa al piccolo Ciro è andato il premio Nassyria per la pace, un riconoscimento condiviso con i suoi fratelli Nicolas e Pasqualino. Durante l’evento, organizzato a Vallo della Lucania dall’Associazione Culturale «Elaia» e gode del patrocinio del Ministero della Difesa,  il racconto di quei tragici momenti, direttamente dalla voce dei protagonisti emozionarono i tanti studenti cilentani che affollavano il teatro la Provvidenza. A consegnar il premio quella volta fu il tenente colonnello dell’esercito Antonio Grilletto; in prima fila anche il procuratore capo presso il tribunale di Vallo della Lucania Antonio Ricci, il vescovo della Diocesi, Ciro Miniero, il comandante dei vigili del fuoco di Napoli Emanule Franciulli e tante autorità civili e militari.

 

 

 

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button
Close