CRONACA

Degrado negli alberghi, la denuncia dei Verdi

Diverse strutture ricettive isolane, gestite in maniera approssimativa e colpite da numerose recensioni negative, sono finite sotto l’impietosa lente della sezione isolana del movimento

Anche gli alberghi, o meglio la loro gestione, sono finiti sotto la lente della sezione ischitana dei Verdi. La responsabile locale Mariarosaria Urraro ha infatti denunciato lo stato a tratti fatiscente delle camere e dei servizi offerti ai turisti, che spesso non perdonano e puniscono tale attitudine tramite le recensioni sul web: «Anche quest’anno – specifica la Urraro – ho preso spunto proprio dalle recensioni su internet degli alberghi ad Ischia. Ho preso in esame hotel 3 e 4 stelle e il quadro che ne è uscito fuori è allucinante. Si parla di numeri, delle migliaia di persone che scelgono Ischia per le loro vacanze. Ci si lamenta dei Mao Mao ma non si parla di quella fetta di pseudo albergatori, che si arricchiscono gettando fango sulla nostra isola e sugli albergatori veri che con enormi sacrifici fanno di tutto per mantenere alto il buon nome di Ischia.

Ebbene anche quest’anno le recensioni negative con tanto di foto che lasciano ben poco all’immaginazione hanno nuovamente caratterizzato le solite strutture alberghiere che a mio avviso andrebbero controllate dalle autorità competenti. Scortesia, sporcizia, scaldabagni elettrici a pochi centimetri dal soffione della doccia, materassi macchiati, cibo di scarsa qualità cotto male e servito peggio. Davvero vergognoso, uno “scuorno “ per gli operatori turistici seri». Ma non è tutto. La responsabile isolana dei Verdi infatti prosegue: «Addirittura ci sono anche albergatori che di sana pianta si inventano ordinanze comunali che vietano l’aria condizionata, per risparmiare qualche Euro di corrente. Che pezzentoni! Oltre alla sporcizia, alla mancanza del rispetto delle norme sulla sicurezza, i tanti vacanzieri si lamentano per la mancanza totale di distanziamento sociale nei ristoranti di queste pseudo strutture ricettive, pubblicando addirittura foto con vassoi dove le fette biscottate e i biscotti vengono serviti sfusi in vassoi e non in confezioni monouso, come si dovrebbe.

Dove camerieri non indossano la mascherina e rispondono in malo modo ai clienti che si permettono di farlo notare». La conclusione è senza sconti: «Queste strutture ricettive di basso livello, sono responsabili non solo di offrire dei pessimi servizi ma di drogare il mercato con prezzi stracciati da bancarella, attirando così un grosso numero di Mao Mao. Noi siamo indignati per tutto questo squallore e credo che lo siano anche gli operatori turistici e gli albergatori seri di quest’isola. Noi chiediamo alle associazioni di categoria di prendere una posizione e di ribellarsi a questi bottegai del turismo che sono il vero cancro della nostra bella isola. Chiedo alle Autorità competenti di intensificare i controlli, in particolare ai Carabinieri, magari prendendo spunto dalle recensioni che in molti casi sono corredate da foto eloquenti che consentirebbero di effettuare dei controlli mirati».

Articoli Correlati

4 Commenti

  1. Il degrado non si trova solo negli alberghi, Il degrado si trova in ognuno di noi, Ognuno di noi dovrebbe recarsi ogni tanto in ospedale per fare un bel lavaggio del sangue per pulire l’intossicazione che ci invade. Forse solo così potremmo vederci chiaro.

    1. Evidentemente lei confonde la mancanza del rispetto delle regole e delle norme con il degrado. Peraltro gentile signora da quello che scrive si evince che non è laureata in medicina per scrivere tali sciocchezza.

  2. Ma la mancanza del rispetto si ha proprio perché manca l’educazione che ognuno di noi dovrebbe avere. Grazie per la GENTILE signora non LAUREATA. Anche perché i migliori luminari della scienza possono sbagliare. E cmq non bisogna essere laureati per capire Ischia come sta cadendo in basso.

  3. Non sono per niente confusa, la mancanza del rispetto parte sempre da ognuno di noi e se dentro ad ognuno di noi c’è qualcosa che non va purtroppo non ci fai niente.Grazie per la GENTILE signora senza LAUREA. Non bisogna essere laureati per capire il problema che invade nella bella isola di Ischia. E poi esperti LUMINARI possono sbagliare. A chi non è mai capitato? Alzi la mano. Altra cosa, ognuno è libero di scrivere quello che vuole, anche SCIOCCHEZZE. Tanti saluti.

Rispondi

Back to top button