ARCHIVIO 5POLITICA

Del Deo, “schiaffo” a Nicolella: Alle parole rispondiamo con i fatti

di Marco Gaudini

FORIO – Ieri il nostro giornale ha riportato lo sfogo del Consigliere Nicolella, una lunga lettera scritta dall’ex consigliere di maggioranza e leader del movimento politico “Gente Comune”, per per lamentare quello che sta vivendo Forio e soprattutto la gestione della cosa pubblica relativamente al caso Ego Eco. Il noto avvocato si rivolge ai foriani con una lettera aperta nella quale si abbandona ad una serie di considerazioni minuziose analitiche, nella quale punta il dito non soltanto contro l’attuale classe di governo ed il sindaco Francesco Del Deo ma andando a ritroso nel tempo anche con il suo precedessore Franco Regine. Al punto di arrivare ad affermare in maniera tanto categorica quanto amara “che tutti i mali di Forio si chiamano Franco”. Quella che è a tutti gli effetti una lettera aperta ai foriani inizia così: “Cari concittadini,Questo mio intervento è legato a quanto letto sui quotidiani isolani relativamente alle dichiarazioni del Sindaco Del Deo sulla vicenda Ego Eco–lavoratori, e non posso, ad onor del vero, stare in silenzio dopo l’ennesima prova che il nomignolo che ho coniato per Del Deo è quello giusto: ‘Franco a bugia 2’”. Il Sindaco di Forio, Francesco Del Deo, ha pertanto replicato alle affermazioni fatte dal Consigliere Nicolella: «C’è chi fa politica seria, ed avvia il risanamento di un comune disastrato, e fa la programmazione, come stiamo facendo noi. E c’è chi deve buttare un po’ di fumo negli occhi, con azioni di facciata, come la realizzazione di fontane o la piantumazione di fiori, come avveniva in passato. – ha dichiarato il primo cittadino di Forio – Francesco Del Deo –  Basta guardare solo la situazione che è stata lasciata dalla precedente amministrazione con un notevole buco di bilancio. Tra Pegaso dove il rosso è stato di  13 milioni di euro, Torre Saracena, per il quale c’è un buco di 5.8 milioni, con la Colombaia sono andati in fumo1 milione e mezzo di euro, ed in più ci sono ancora 600 mila euro di debiti. A questo punto in vent’anni ci hanno lasciato una pavimentazione dissestata sia a Forio che a Panza, dove sta saltando in più punti. Credo pertanto che il modo migliore per rispondere e queste parole siano i fatti. Noi lavoriamo in silenzio e con le numerose difficoltà che elencavo siamo riusciti ad intervenire su tematiche dove da anni vi era un vero e proprio immobilismo. Siamo quelli che sono riusciti a far commissariare i depuratori, abbiamo avviato il Piano Regolatore che non è stato mai fatto. Entro quest’estate speriamo risolveremo il problema dello stazionamento dei camion per l’immondizia. Con i lavori stiamo cercando di andare avanti nonostante le numerose criticità per le tempistiche ed le scadenze. Stiamo cercando di asfaltare alcune strade che presentano maggiori criticità. Abbiamo realizzato due centrali termiche con fondi comunali: la scuola media di Panza, e la scuola media a Forio. Stiamo lavorando sulla questione del porto, dove abbiamo una visione diversa rispetto a ciò che ci è stato lasciato dalla precedente amministrazione. Su questo argomento si stanno pensando alcune ipotesi. Inoltre grande l’impegno è stato sulla vicenda delle strisce blu, dove grazie al nostro operato in nove settimane vi è stato un introito per le casse comunali di circa 120 mila euro. Mentre con la precedente amministrazione si sono incassati massimo 78 mila euro. Stiamo facendo anche il nuovo piano per gestire direttamente le strisce blu. Questi sono fatti e non chiacchiere».

Il grosso delle contestazioni che le vengono mosse dal Consigliere Nicolella, sono relative alla gestione dei rapporti con la società Ego Eco e le relative difficoltà in ordine ai pagamenti. Nicolella infatti ha affermato,  “che la società Ego Eco è inadempiente su tutto quanto previsto dal capitolato e dal contratto. Spieghi Del Deo – ha dichiarato Nicolella nel suo sfogo –  come ha fatto il Comune di Castellamare di Stabia, se il DURC è regolare, a risolvere il contratto con la società che opera anche a Forio. Spieghi Del Deo il motivo per il quale la società è stata cacciata da molti Comuni sia della Campania che del Lazio”. Sindaco come risponde a queste affermazioni?

«Non mi risulta che il Comune di Castellammare abbia sciolto il contratto con la società Ego Eco. Per ciò che concerne la nostra situazione, l’amministrazione si occupa di effettuare il pagamento delle varie trance regolarmente alla società. Il DURC è stato richiesto dal Comune di Forio, nei primi giorni di  novembre ed è stato fornito dall’INPS, attraverso un nuovo sistema. I comuni che come noi ne hanno fatto richiesta nei primi giorni di novembre hanno ricevuto il DURC mentre per gli altri che hanno avanzato la richiesta verso il 10 novembre, a causa del nuovo sistema, vi sono stati dei ritardi. Problematiche che poi si sono inevitabilmente estese anche ai pagamenti. Dopo l’incontro che ho avuto con i sindacati, mi auguro che questo inconveniente e questo ritardo non si verifichi più. Ci sono state delle difficoltà anche da parte di altri comuni che hanno ricevuto il DURC in ritardo, difficoltà che in qualche modo, possono riflettersi  anche sulla nostra situazione, alimentando i ritardi».

 

Sindaco il Consigliere Nicolella, già da tempo ha coniato per lei il nomignolo: “Franco a bugia 2”. Cosa pensa a tal riguardo? Anche lei ha dei nomignoli per i suoi oppositori?

«Non voglio scendere al suo livello, anche se in paese lo chiamano in mille modi. Dico solo che spero che il ragazzo maturi presto» – ha concluso il primo cittadino di Forio.

 

 

C’è chi fa politica seria, ed avvia il risanamento di un comune disastrato

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close