ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Depuratore a Casamicciola, scatta la gara per la progettazione

ISCHIA. Sulla piattaforma on line di Invitalia è stato pubblicato il bando di gara per la progettazione dell’impianto di depurazione nei comuni di Casamicciola e Lacco Ameno. C’è tempo fino al 5 marzo 2019 per partecipare alla procedura di gara per la progettazione di un impianto di depurazione a servizio dei Comuni di Casamicciola e Lacco Ameno. L’appalto, del valore di oltre 1,3 milioni di euro, prevede l’affidamento del progetto di fattibilità tecnico-economica, di progettazione definitiva e del coordinamento della sicurezza in fase di progettazione dei lavori per la realizzazione dell’impianto. Per la realizzazione dell’impianto si ricorrerà a strutture completamente interrate, puntando su soluzioni altamente tecnologiche del processo depurativo e mantenendo compatte le volumetrie; saranno quindi evitati il più possibile grossi manufatti fuori terra a causa dell’impatto che essi determinerebbero in un’area turistica. La procedura di gara è curata da Invitalia, in qualità di Centrale di Committenza per il Commissario straordinario unico per la Depurazione. Invitalia supporta infatti il Commissario nella realizzazione degli interventi necessari all’adeguamento dei sistemi di collettamento, fognatura e depurazione oggetto di sentenza di condanna della Corte di Giustizia Europea per il mancato rispetto della Direttiva 91/271/CE riguardante il trattamento delle acque reflue urbane. Tutta la documentazione di gara è disponibile sulla piattaforma “Gare e appalti” di Invitalia; per presentare le offerte basta registrarsi al portale e-procurement. Intanto, come si ricorderà, da alcune settimane sono in corso le indagini geognostiche, sismiche, ed ambientali per l’impianto di depurazione a servizio dei due Comuni. Il Commissario straordinario unico per la depurazione ha infatti siglato un contratto d’appalto con la Geotec srl di Napoli, che sta procedendo alle indagini nei pressi del parcheggio ex Anas, sulla Litoranea, che saranno comprensive delle analisi chimiche di laboratorio dei terreni interessati dagli interventi previsti nel progetto dell’impianto di depurazione. La realizzazione complessiva dell’impianto, per un importo complessivo di oltre 43 milioni di euro, è ricompresa tra gli interventi finanziati dalla Regione Campania con le risorse dei Fondi di sviluppo e coesione del periodo 2007-2013. Somme assegnate allo scopo di garantire il superamento della condanna giunta al termine procedura d’infrazione della Commissione Europea nel 2012, perché non era stata correttamente attuata la direttiva 271/1991 della Cee sul trattamento delle acque reflue.

 

 

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close