Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Di Meglio al Tar: annullate la nomina di Ungaro

di Marco Gaudini

 

 

BARANO  – Il Geometra Alfredo Di Meglio, noto anche come padre del consigliere comunale baranese di minoranza Aniello,  tramite l’avvocato Giuseppe Di Meglio, ha presentato un ricorso al TAR della Campania, contro il Comune di Barano d’Ischia, per l’annullamento, previa sospensiva, delle deliberazioni della Giunta Municipale del Comune isolano, e delle successive determine con le quali – a conclusione di tutto l’iter procedurale – è stato nominato l’ing. Crescenzo Ungaro, responsabile del quinto settore (edilizia privata) del Comune di Barano.

La vicenda è nota ai lettori del nostro Giornale, in quanto più volte abbiamo trattato questo tema, addirittura, come ripreso anche dagli atti del ricorso stesso, annunciando, quasi come una “profezia” la nomina dell’ingegnere.

Ads

 

Ads

GENESI DELLA NOMINA DI UNGARO –  Tutto è cominciato, ricordiamo, nel mese dello scorso Dicembre quando Luigi Mattera ha deciso di rassegnare le proprie dimissioni dall’incarico di dirigente dell’Utc, ottenuto nell’Aprile del 2014. Una scelta questa, derivata, probabilmente, anche dall’enorme carico di lavoro a cui doveva far fronte Mattera, già responsabile, tra le altre cose, del settore amministrativo e tributario dello stesso Comune baranese. Per tale motivo, l’amministrazione ha poi indetto un avviso pubblico al fine di ricercare candidati a cui affidare l’incarico di dirigenza dell’Ufficio Tecnico per il quale, come già riportato in precedenti edizioni de “Il Golfo”, hanno fatto domanda in tanti.  Ben otto, infatti, sono state le candidature arrivate negli uffici comunali, le quali, sono state valutate da una commissione nominata ad hoc per l’occasione. Della rosa degli otto aspiranti responsabili del V settore, solo tre, Crescenzo Ungaro, Mariano Serra e Michele Maria Baldino, sono stati gli ingegneri ammessi al colloquio finale che si è svolto lunedì scorso presso il Comune di Barano. Colloquio che, alla luce del risultato finale, sembra essere stato un puro atto formale.  Infatti, tutte le indiscrezioni, che in qualche modo evidenzia anche il ricorso presentato da Di Meglio,  che vedevano proprio Ungaro come colui a cui sarebbe stato affidato l’onere di Responsabile del UTC, si sono rivelate più che fondate.  Neppure l’ingegnere Michele Maria Baldino, già responsabile nel bienno 2010-2012 del Utc di Barano e considerato  anch’egli come il più “papabile” tra gli aspiranti alla dirigenza, ha potuto contrastare Crescenzo Ungaro che, alla fine, ha sbaraglio tutti, proprio come era previsto. Situazione questa che è stata ripresa proprio dal ricorso presentato dal Geometra Di Meglio, e dal suo legale, che nell’atto scrive: “appreso dall’edizione del 5.1.16 del quotidiano “IL GOLFO”, che l’ing. Crescenzo Ungaro sarebbe stato presto assunto presso il Comune di Barano d’Ischia nella qualità di responsabile del settore della edilizia privata. Lo stesso quotidiano il 30.1.2016 ha dato la notizia che tale assunzione era avvenuta e la profezia si era quindi rivelata appropriata nel silenzio della minoranza che nulla avrebbe detto al proposito. Purtroppo – spiega il legale per conto del Geom. Di Meglio nel suo ricorso – i consiglieri della minoranza non hanno alcuna possibilità di incedere sugli atti della amministrazione comunale in quanto nono esiste alcuna forma di controllo sull’attività degli Enti Locali, con la conseguenza che l’unico rimedio sia il ricorso alla Autorità Giudiziaria, e quindi, la decadenza dei Consiglieri.

 

GLI INTERESSI DEL RICORRENTE – Se quindi, i Consiglieri comunali, così come si legge nel ricorso, non possono nulla, rispetto alla nomina messa in campo dall’amministrazione comunale di Barano, il Geometra Di Meglio, specifica, invece, che lui in qualità di ricorrente, cittadino elettore del Comune di Barano, nonché proprietario di immobili, libero professionista che è stato anche Dirigente del Settore Amministrativo della edilizia privata e della urbanistica nel Comune di Serrara Fontana, “ha interesse al rispetto delle leggi, e che il proprio Comune non dilapidi le proprie risorse sottraendole al pagamento delle indennità di esproprio, dei propri creditori che attendono anni per vedere soddisfatti i propri crediti. Ha interesse ad attività necessarie quali la pulizia del Paese, la sistemazione delle strade e dei suoi immobili, ha, quindi diritto e legittimazione alla impugnazione di tali provvedimenti, che non sono legittimi – si legge nel ricorso presentato al TAR – e, quindi, sono frutto di sviamento della funzione”.

 

I LEGAMI POLITICI DELL’ING. UNGARO CON IL SINDACO PAOLINO BUONO – Inoltre sempre nel ricorso, si fa riferimento ai legami politici che pare vi siano tra il primo cittadino di Barano, ed il nuovo responsabile dell’UTC comunale: “l’ing. Ungaro – si legge nel ricorso – beneficiario di tali illegittimi, ha un legame politico-elettorale con il Sindaco Paolino Buono, in quanto sono stati candidati nella stessa lista in una precedente elezione amministrativa”. Elemento questo che anche il nostro giornale aveva evidenziato, così come è doveroso però sottolineare anche le competenze dell’ing. Ungaro dimostrate anche con numerosi incarichi sull’isola. il “neo” responsabile dell’UTC ha, infatti, un  bel curriculum lavorativo alle  spalle.  Ungaro ha ricevuto diversi incarichi, negli scorsi anni, su tutto il territorio isolano.  Nel 2009 è stato nominato dall’amministrazione del Comune di Ischia, direttore operativo per i lavori di completamento del Polifunzionale di via Morgioni; nel 2014 ha ottenuto un incarico aggiuntivo presso il Comune di Casamicciola e, sempre nello stesso anno ,ha svolto il ruolo di dirigente dell’ufficio tecnico presso il comune di Lacco Ameno. Da non dimenticare poi il suo ruolo come Presidente del Consiglio di Amministrazione di Ischia Ambiente negli anni passati. Tutti elementi questi, che evidentemente non sono stati ritenuti degni di nota nel ricorso presentato. Infatti l’atto presentato dinanzi al TAR continua affermando che: “l’incarico conferito all’ing. Ungaro è di alta professionalità e nella pianta organica ed in servizio è presente l’ing. Giuseppe Di Meglio, detto Pino, il quale precedentemente ha diretto per numerosi anni il settore della edilizia privata e dei lavori pubblici. Dopo aver diretto entrambi i settori per tanto tempo, costui ha dichiarato di non essere in grado di espletare i compiti di coordinamento della edilizia privata, alla quale sono addetti già altri quattro tecnici ed una istruttrice amministrativa. L’ing. Pino Di Meglio, ha chiesto di essere esonerato dal curare l’attività gestionale della edilizia privata ed il Sindaco ne è stato ben lieto, incaricando dapprima il Vigile Nicola Stanziola, indi il Ragione Comunale, e quindi, ha indetto la procedura che ha portato alla nomina dell’ing. Ungaro, con la conseguenza che tale rinuncia dell’ing. Pino Di Meglio,(prima e di Mattera dopo ndr) giustificherebbe l’assunzione del nuovo dirigente. La circostanza rappresentata dal rifiuto dell’ing. Pino Di Meglio, è assolutamente inidonea a giustificare il ricorso al contratto, in quanto l’ing. Di Meglio – si scrive nel ricorso – non può pretendere di espletare solo i compiti di istituto della lucrosa edilizia pubblica, ma anche quella meno conveniente della edilizia privata, nella quale, peraltro costui ha lunga e comprovata qualificazione per il lungo curriculum professionale, che lo distingue quale alto funzionario essendo stato già impegnato in tale settore e presso la Regione Campania e, prima ancora, presso al disciolta Cassa del Mezzogiorno.

 

LO SFORAMENTO DEL PATTO DI STABILITA‘ – Sempre nel ricorso si evidenzia, come il Comune di Barano, gestisce i propri servizi attraverso “il suo braccio operativo costituito dalla Barano Multi Servizi, cui capitale è al 100% del Comune isolano. Sommando il costo del personale di quest’ultima e di quello comunale, si arriva a superare il tetto del cinquanta per cento della spesa corrente (tetto imposto dal patto di stabilità ndr). La percentuale delle cifre, che emergono dal conto consultivo dell’anno 2014, approvato nel 2015, ammonta per quanto riguarda il personale al 53% della spesa corrente” – si afferma nel ricorso presentato dal Geometra Di Meglio. Così come anche un altro aspetto è stato evidenziato nel ricorso, oltre a quello della “copertura” dei posti previsti in pianta organica che debbono avvenire nel limite massimo del 60% di quello posto in quiescenza nel precedente anno solare, anche l’aspetto della mobilità. Infatti si legge nel ricorso: “il legislatore ha posto come condizione di nuove assunzioni che siano preventivamente espletate le procedure di mobilità, curando la pubblicazione nell’apposito portale della disponibilità di personale presso l’Ente che ha interesse alla assunzione di nuove unità. Il Comune di Barano d’Ischia, non ha curato nessuna forma di informazione dei posti disponibili rendendoli noti al predetto portale della mobilità nazionale, proprio al fine di provvedere alla assunzione di chi ritenga utile ai fini del suo disegno. Il legislatore, infatti, ha inteso evitare che anche sotto forma dei contratti di cui all’art. 110 del Decreto Legislativo 267/00 non sia consentita alcuna assunzione ‘intuitu personae’ dovendosi assicurare parità tra i concorrenti ed obiettività. A Barano d’Ischia, invece, si è verificato – si legge sempre nel ricorso presentato – proprio l’opposto, in quanto il Sindaco Paolino Buono ha prescelto l’ing. Ungaro, senza motivazione perché a lui piace a prescindere dalla motivata capacità tecnica.

 

CONCLUSIONI – Alla fine quindi delle numerose motivazioni addotte, l’atto presentato si conclude affermando che: “ne consegue che gli atti predetti, il bando e l’assunzione siano illegittimi, siano frutto di violazione di legge, da eccesso di potere e siano viziati da illegittimità derivate e da contrasto con il pubblico interesse, non potendo il Comune di Barano d’Ischia procedere all’assunzione d nuovo personale e non essendovi un prevalente interesse pubblico alla immissione in servizio di un funzionario tecnico di cui non si avverte la necessità”.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex