Statistiche
CULTURA & SOCIETA'

Diretta live facebook col Cenacolo Mariano, Via Crucis e altro

Sabato 4 e Venerdì Santo 10 aprile in famiglia

Quello del 4 aprile scorso dalle ore 17,30, nel tradizionale primo sabato del mese, è stato, dopo oltre ventitré anni di puntuali incontri mensili, il primo Cenacolo mensile mariano svolto in famiglia nei primi vespri della Domenica delle Palme e, nel contempo, trasmesso in diretta live su Facebook. Un Cenacolo svolto, pertanto, in condizioni straordinarie a causa delle restrizioni in casa per il contagio “coronavirus”, anziché presso la consueta Parrocchia di San Sebastiano a Barano d’Ischia centro.

Quindi presenti i familiari: mia moglie Raffaela Patrizia, figli (8) Pietro Andrea con Miriana, (9) Parusìa Mia, (10) Francesco Maria (già da dall’inizio delle restrizioni collegati con i rispettivi Istituti per le quotidiane lezioni online), e ancora i figli rientrati faticosamente, ma provvidenzialmente, dal lavoro a Davos colpita dal morbo, in Svizzera, arrivati a casa in Via San Liguori 7 a Barano d’Ischia per la rituale quarantena di due settimane il 19 marzo, solennità di San Giuseppe e festa del papà: Antonio Maria (4), Noemi Maria (5) con Vito, Giovanni Paolo (6) con Mariangela; gli altri figli sposati nelle loro rispettive famiglie: Teresa Jolanda (1) col marito Matteo e tre bambini a Barano, Grazia Maria (3) col marito Nicola e due bambini in Via Acquedotto a S. Antuono d’Ischia, Giuseppe (2) con moglie Jessica e due bambini a Forìo.

Certamente costretti a essere separati, ma, grazie a Dio, collegati online. Così, allo stesso modo, ieri 10 aprile Venerdì Santo dalle ore 15, l’Ora della Passione, appuntamento con l’immancabile pratica familiare della “Via Crucis” seguita dall’Adorazione della Croce Santa per le Anime Sante del Purgatorio e inizio quotidiano, alla stessa Ora, della “Coroncina alla Divina Misericordia” che proseguirà sino alla Domenica Ottava di Pasqua (Domenica in Albis) 19 aprile, dedicata alla “Solennità della Divina Misericordia” dal grande Papa San Giovanni Paolo II. In molti, preventivamente informati sul profilo dello scrivente, si sono collegati a queste tradizionali e importanti pratiche della Chiesa Cattolica, con la scoperta del positivo strumento di circolazione online in questo periodo di blocchi e prove a causa del contagio mondiale della pandemìa “coronavirus”. Ma il Padre ha tanto amato il mondo, da donargli il suo Figlio Unigenito, perché il mondo fosse salvato per mezzo di Lui e per intercessione di Maria Corredentrice, Mediatrice e Avvocata. (continua)

*Pasquale Baldino – Responsabile promotore diocesano Cenacoli Mariani; docente ordinario Liceo; poeta (email: prof.pasqualebaldino@libero.it)

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button