Statistiche
CRONACA

Disagi trasporti marittimi: Di Scala contro la Regione, plaude l’Autmare

Dopo l’esposto inviato all’ autorità regolatrice generale dei trasporti, la consigliera Di Scala regionale accoglie positivamente l'endorsement dell’associazione presieduta da Nicola Lamonica, da sempre in prima linea sulle problematiche legate alle vie del mare

Il professor Nicola La Monica e la consigliera regionale Maria Grazia Di Scala hanno da sempre portato avanti istanze politiche profondamente diverse, eppure quando c’è da fare quadra per migliorare la situazione dei trasporti marittimi che uniscono la terraferma alle isole del golfo chi ha avvedutezza e senso civico sa mettere da parte le naturali differenze di appartenenza per provare a trovare una congiuntura di intenti, una strada condivisa che possa condurre all’obiettivo un po’ tutti gli isolani si augurano, avere una continuità territoriale effettiva che consenta a chi ha necessità di muoversi via mare di avere sempre un servizio efficiente, di qualità e anche economico. Di recente la consigliera regionale per contrastare quella che viene denunciata come una vera e propria inerzia delle Regione e anche delle compagnie di navigazione, ha scritto un esposto all’autorità regolatrice generale dei trasporti con sede a Torino, con cui da mesi si è aperto un canale istituzionale. Un’interlocuzione che potrebbe portare a breve a un’audizione personale in ordine a tutti i problemi che ancora permangono sulle linee dei trasporti marittimi del golfo.

I problemi? Sono quelli di sempre: inadeguate politiche tariffarie e concorrenziali, i lenti tempi di percorrenza w gli altri piccoli e grandi problemi i servizi minimi che spesso non vengono rispettati soprattutto nei mesi invernali, quando i pendolari sono costretti a subire non solo i disagi causati da un naviglio, il più delle volte, inadeguato a sostenere le giornate di cattivo tempo, ma anche gli altri problemi che rendono difficile raggiungere Napoli con velocità e comodità.

Caratteristiche tutt’altro che scontate e che anzi vengono il più delle volte disattese.

Alla notizia dell’esposto ha risposto immediatamente e in maniera positiva il professor Nicola Lamonica, sempre in prima linea per difendere i diritti di chi lavora in mare e anche dei viaggiatori del golfo “Il documento dell’avv. Maria Grazia Di Scala, consigliere regionale e Presidente della IV Commissione Speciale, segna una tappa significativa nelle lunga vertenza degli utenti, di cui Autmare è sicuramente parte attiva, con la Regione Campania ed oggi con il Presidente De Luca. Mi congratulo con Lei per quanto ha fatto e sta facendo nella direzione opportuna con impegno costante e leale, con riunioni promosse e ben riuscite e con mirati scritti come quest’ultimo di cui apprezzo le cose dette e la dignità politica di come le pone, dimostrando di stare dalla parte dei cittadini delle isole del Golfo di Napoli e dell’utenza in genere per spirito di servizio e di dovere istituzionale; dalla parte giusta in antitesi alle assenze finora registrate nelle istituzioni, regionali e locali. Grazie maria Grazia ed Onore a Te, con stima Nicola Lamonica”.

L’endorsement di Nicola Lamonica non ha lasciato indifferente la consigliera Di Scala. “Le parole di Nicola Lamonica, volto storico della battaglia ischitana per i trasporti marittimi sono la carica giusta. Ho bisogno dell’apporto di tutti voi. Solo insieme possiamo combattere contro chi pensa che dobbiamo essere isolati! Combattiamo con la fierezza che ci ha tramandato chi c’è stato prima di noi, perché quelli che verranno dopo di noi non dovranno più farlo!

Ads

Voglio chiarire, a proposito dell’esposto da me inoltrato, che esso tende a perseguire le responsabilità della Regione, che troppo spesso omette e tralascia, e che non favorisce l’ingresso di nuovi armatori e la conseguente libera concorrenza, ma anche le compagnie che attualmente spadroneggiano indisturbate nel settore del trasporto marittimo, e che potranno essere sanzionate. Teniamo presente, come ripeto da anni, che le sanzioni per ritardi, omissioni e carenze di ogni tipo saranno irrogabili solo a seguito di segnalazioni che, ahimè per regolamento, vanno rivolte prima alle compagnie e, poi, alla Autorità di regolazione dei trasporti”. Parole che aprono una nuova stagione di battaglie condivise? Vedremo.

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex