Statistiche
ARCHIVIO 2

DiVini&Sapori – Lassù, vicini al cielo: Tenuta Frassitelli, l’Ischia DOC di Casa D’Ambra

“Caro Mario, tu mi avevi promesso, in modo preciso, di puntare sul cru Frassitelli. Temo tu non abbia mantenuto. Ti prego, Mario, di riprendere a fondo la questione….Forse io sono un presupponente ma, credimi, sono profondamente convinto della validità di ciò che ti scrivo”. Nella vita ci sono incontri e situazioni che segnano per sempre, come l’intuizione di Luigi Veronelli e “l’anima avvolta nella terra” di Mario D’Ambra. Tra loro, una lunga amicizia, la Tenuta Frassitelli e la promessa di produrre un Biancolella da un terroir unico ed espressivo, restituire l’isola d’Ischia alla sua verità di silenzio e natura, nelle parole di questa lettera del 1977. Luigi Veronelli era rimasto folgorato anni prima da questa vigna magica, un’isola nell’isola, così suggestiva e affascinante, così alta con i suoi 600 metri a strapiombo sul mare. Un vero e proprio giardino pensile in 4 ettari di viti, tra le alte ginestre e l’origano selvatico, comprato parcella dopo parcella dai contadini dell’isola e lavorato da un mito delle campagne ischitane Michele Mattera, detto il Cannelora. Un “angelo matto” che, pietra su pietra, recuperò questo vigneto, volando sull’altezza di queste vigne con le cassette d’uva sulla spalla: l’aiuto e il fascino delle monorotaie sarebbero arrivati molti anni dopo. Frassitelli è l’Ischia di “come eravamo”, dove l’uomo ha fatto pochi danni, dove il mare, le parracine, il vento sono i protagonisti di questa terra benedetta da Dio e da un vulcano. Quel Monte Epomeo (che poi vulcano non è, o meglio non lo è più) che ha lasciato in eredità terreni con una pendenza superiore al 60% poveri e tufacei, con il grande dono di drenare l’acqua in eccesso e restituirla gradatamente.

FOTO VIGNETO
Storie di terra, di uomini e di passioni. E soprattutto, storie di vino. Quelle che ti fanno immaginare un progetto e ti costringono a realizzarlo, ma anche di competizione con sé stessi e con la natura per migliorarsi sempre, anche vinificando di nascosto; e così nel 1985, nasce la prima annata del Frassitelli. Era la prima volta che si provava a fare uva così in alto a Ischia e fu Andrea D’Ambra, l’enologo figlio di Salvatore a volerlo, ben sapendo che le “piccole frasche” di famiglia e le brezze di mare sarebbero state complici della straordinaria qualità di un vino. Da allora una continua ascesa, una festa di riconoscimenti. Non ultimo la scorsa settimana con le “4 Viti” della Guida Vitae, dell’Associazione Italiana Sommelier, che premia il Biancolella Frassitelli 2014 dopo il riconoscimento “Salvaguardia di viti e paesaggi” dello scorso anno. Andrea D’Ambra guarda alla vigna e non all’edilizia in un vigneto, sono passati trent’anni e il Frassitelli racconta ancora di un terroir unico, due cru in uno affacciati sul mare, nel comune di Serrara Fontana: Tifeo con i suoi ceppi ad alberello alcamese in basso e Pietra Martone, più in alto, verso sud-ovest, entrambi a guardare la baia di Sorgeto e la bellezza senza tempo dell’isolotto di Sant’Angelo.

Qui la Biancolella dà rese basse e matura tardi, regalando risultati straordinari. In cantina come in vigna, poco o nulla è cambiato: fermentazione per 10-15 giorni, sosta sui lieviti e batonnâge, tutto esclusivamente in acciaio. Un vino che delizia al primo sguardo con il suo colore giallo paglierino e al naso, un ventaglio di note agrumate eleganti e fresche, subito seguite dai delicati profumi tipici della macchia mediterranea, e quelli fruttati di melone, pesca bianca e albicocca. Non manca in questo corredo olfattivo una leggera vena minerale e iodata, un accenno che ritroveremo in bocca nel lungo finale sapido, non invadente ma ben equilibrato. Un vino sontuoso, elegante, un bianco che “può invecchiare” come diceva Mario D’Ambra, risolutivo su formaggi a media stagionatura, carni bianche come il mitico coniglio all’ischitana e piatti di mare. Prezzo medio in scaffale dai 12 ai 15 euro per riportare a casa un ricordo, strappato alla bellezza del luogo, ai suoi profumi e alle sue storie di identità sul territorio.

Casa D’Ambra Via Mario d’Ambra, 16 – Forio d’Ischia www.dambravini.com
vedutafrassitelliFOTO VIGNETO

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x