CRONACAPRIMO PIANO

Dramma ad Ischia, precipita dal balcone e muore

Vittima dell’incidente l’anziana Rosa Dubbioso Sirabella, la caduta dal secondo piano ad un’altezza di circa sei metri: inutile l’intervento dei sanitari del 118 che non sono riuscita a strapparla a un triste destino

Quasi sicuramente si è trattato di un suicidio, sono pochi i dubbi a riguardo. Ma in ogni caso non si è trattato di nulla di “misterioso”, se è vero che sulla morte di una anziana donna ieri mattina a Ischia nemmeno l’autorità giudiziaria ha deciso di effettuare ulteriori accertamenti ritenendo la dinamica dei fatti chiara ed inequivocabile. Rosa Dubbioso Sirabella, anziana ischitana, è deceduta ieri volando dal secondo piano della sua abitazione in località Fondobosso, ad Ischia.

E’ successo tutto all’improvviso, a meno che la donna non avesse già deciso da tempo di porre fine alla propria esistenza. Rosa si è affacciata al balcone e poi un volo di sei metri. L’impatto con l’asfalto non le ha lasciato scampo, uccidendola presumibilmente sul colpo. Ad accorgersi della tragedia sono stati i familiari della vittima che immediatamente hanno contatto il 118: l’ambulanza è giunta prontamente sul posto ma per la signora ormai non c’era più niente da fare, al punto che i medici non hanno nemmeno potuto tentare di strapparla da un triste destino.

Molto probabilmente la vittima si è tolta la vita anche potrebbe essere caduta in maniera accidentale: in ogni caso, viene esclusa ogni altra ipotesi, al punto che il magistrato ha “liberato” la salma. La tragedia si è verificata ieri mattina ad Ischia, in località Fondobosso

Sul posto, a tempo di record, giungevano anche uomini e mezzi dei Carabinieri della Stazione di Ischia e del Nucleo Operativo Radiomobile, guidati dal comandante Angelo Pio Mitrione. E faceva capolino anche un sacerdote, mentre la notizia di quanto accaduto iniziava a spargersi dapprima nel vicinato e poi in paese, lasciando tutti di stucco e davvero con un senso di tristezza addosso. Rosa Dubbioso, infatti, era una persona affabile, conosciuta e ben voluta da tutti. Dell’accaduto è stato naturalmente messo a conoscenza il sostituto procuratore di turno che – dopo aver ascoltato attentamente la ricostruzione dei fatti ad operai dei militari dell’Arma – ha deciso di restituire la salma ai familiari. Nessuna necessità, dunque, di procedere all’esame autoptico: che si sia trattato di suicidio (ipotesi, lo ripetiamo, pressoché certa) o di una tragica fatalità, di certo non ci sono altre ipotesi attorno alla morte della signora Rosa. Un fatto che, certo, nulla toglie al velo di tristezza calato ancora una volta ieri sulla nostra isola.

Foto Franco Trani

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close