ARCHIVIOARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Duello automobilistico notturno: il traguardo è… la caserma dei Carabinieri

 

Di Francesco Ferrandino

ISCHIA. Un episodio che a raccontarlo ha davvero dell’incredibile e dell’esilarante, se non fosse per i pericoli che ha comunque generato. Parliamo di un inseguimento automobilistico notturno, terminato paradossalmente, e volontariamente, davanti alla stazione dei Carabinieri di Ischia. Durante una delle scorse notti, sulle strade di Casamicciola, due automobilisti avevano avuto un forte diverbio per un leggero urto tra le proprie vetture avvenuto presso un incrocio del comune termale. Nonostante le contumelie reciproche, i due davano vita a una sorta di “rally della bestemmia”: alla guida delle rispettive auto, infatti, gli esagitati guidatori procedevano in tandem fino a Ischia, talvolta affiancandosi, talaltra scambiandosi le posizioni come in un Gran Premio automobilistico di antica memoria, con tutti i rischi connessi per la propria ma soprattutto per l’altrui incolumità. Contemporaneamente, con i finestrini spalancati si sono esibiti nel loro miglior repertorio personale di offese e insulti reciproci, palleggiandosi la responsabilità per l’urto che aveva originato l’assurdo inseguimento, con la ex strada statale 270 a fare da involontaria pista per l’insolito duello notturno. L’estemporanea versione ischitana della saga cinematografica di “Fast and Furious” si è conclusa tra le strade del comune capofila, ma non in una via qualsiasi, bensì proprio in via Casciaro, dove ha sede la locale Stazione dei Carabinieri. Quando il tandem è giunto in prossimità dell’ingresso della Stazione, uno dei due guidatori si è aggrappato ai freni inchiodando letteralmente l’auto sul posto, inducendo anche l’altro a fare lo stesso, e a proseguire il litigio in strada. Gli schiamazzi hanno prevedibilmente richiamato l’attenzione del piantone all’interno della caserma, col risultato che i due sono stati identificati e invitati a dare spiegazioni: solo a quel punto i militari hanno compreso che uno dei due guidatori era visibilmente “sbronzo”. Sottoposto ai test di rito, gli è stato riscontrato un tasso alcolemico ben oltre la soglia consentita dalla legge, con la conseguente denuncia per guida in stato di ebbrezza.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close