Statistiche
ARCHIVIO 4ARCHIVIO 5

“E continuavano ad aspettare Godot” dalle tavole del palcoscenico a quelle di un fumetto

di Isabella Puca

Ischia – Hanno girato per tutta Italia con il loro progetto teatrale che ora diventa un fumetto sceneggiato da Marco Ferrandino e disegnato da Leonardo Avagnano. Parliamo di “E continuavano ad aspettare Godot” lo spettacolo portato in scena dalla Ugualos Produzioni con Salvio Di Massa, Davide D’abundo, Alessandro Guerra, Luca Scherillo, Morgana Puccinelli E David Laezza per la regia di Eduardo Cocciardo e la scenografia di Tatiana Taddei. Il fumetto sarà presentato mercoledì 8 febbraio alla Biblioteca Antoniana a partire dalle 18:00. A moderare la presentazione, patrocinata dal Comune di Ischia, il giornalista Pasquale Raicaldo che parlerà del progetto con l’autore dei testi Marco Ferrandino e Salvio Di Massa autore della Ugualos. Non mancherà una performance teatrale a cura di Davide D’Abundo e Salvio Di Massa. Il teatro dell’assurdo di Beckett, in quella che è una delle opere tra le più conosciute, Aspettando Godot, appunto, si reincarna così nella letteratura disegnata, il fumetto, ad oggi tra i mezzi comunicativi più utilizzati dai giovani. Al centro della storia una coppia di strambi personaggi in attesa di un terzo: un tale Godot. Da dove provenga o che cosa voglia dai primi due non si sa, eppure l’attesa diventa il nucleo principale della vicenda.  Lo scorso marzo partì una campagna crowdfunding, un progetto di auto finanziamento per realizzare il sogno di questi giovani talentuosi attori ischitani di portare in scena il testo di Beckett  provando a raggiungere più teatri italiani possibili. Dopo aver vinto la prima edizione della rassegna del teatro isolano, lo scorso maggio, lo spettacolo ha poi preso il largo aprendosi nuovamente a una sfida: realizzare un fumetto.  «La Ugualos produzioni, – ci raccontano – è un vero laboratorio di idee, che sviluppa le sue attitudini prima nella rappresentazione teatrale e poi nella letteratura disegnata. Nasce così un graphic novel breve, una produzione inedita per la Ugualos, per narrare, forse per la prima volta in questo ambito, il dietro le quinte, dove si esprimono le fatiche e i tentennamenti che sono alla base della messa in scena fruita dagli spettatori. Momento magico per ogni partecipante è l’esordio di una nuova opera, dove trovano compimento tutti gli sforzi e i sacrifici di solito ignorati dal grande pubblico che, questa volta, avranno una rappresentazione grafica con l’aiuto del lavoro di Marco Ferrandino per i testi e Leonardo Avagnano per i disegni». Gli errori che ricorrono nelle prove, la giusta ira del regista, le défaillance degli attori, lo spettacolo prima dello spettacolo si fa fumetto e i protagonisti, giovani attori ischitani, diventano sotto la mattia di Avagnano, ancora una volta personaggi.  «Per noi il fumetto è una curiosità, un esperimento, un modo per approfondire il testo e capirlo meglio, un esercizio di stile, tutto questo nello spirito della Ugualos produzioni che si prefigge di accogliere vari talenti nelle discipline artistiche più disparate per portare avanti un discorso multimediale».

 

 

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex