SPORT

Eccellenza, il maltempo ferma il Real Forio

Niente trasferta a Gragnano per l’impossibilità di arrivare in terraferma degli isolani, ma salta anche l’incontro Casoria – Marcianise per l’impraticabilità del terreno di gioco

L’ultimo fine settimana ci ha ricordato, qualora ce ne fosse stato effettivamente ancora bisogno, che vivere su un’isola, sebbene molto vicina alla terraferma come Ischia o Procida, per quanto affascinante presenta i suoi lati negativi. A causa delle condizioni particolarmente proibitive del mare sono infatti saltati diversi incontri nelle due isole, rimaste del tutto isolate, è proprio il caso di dirlo. Vento fortissimo, mare in tempesta ed ecco che per tutti gli atleti delle squadre isolane è maturata una domenica di riposo non preventivato. Focalizzando la nostra attenzione sul mondo del calcio, in Promozione non si sono giocate le gare di Ischia e Procida, impegnate rispettivamente a Scampia contro l’Oratorio Don Guanella e a Lacco Ameno contro il Santa Maria la Carità. In questa categoria, l’unica isolana a giocare era stata sabato pomeriggio il Lacco Ameno, bravo a battere il Rione Terra e a prendere la più classica delle boccate d’ossigeno. Anche in Eccellenza, l’unica gara giocata è stata quella di sabato pomeriggio del Barano, che ha pareggiato per 3-3 contro il San Giorgio. Una partita bellissima quella del “Don Luigi Di Iorio”, giocata tra due squadre con ambizioni molto diverse, che ovviamente consegna anche delle considerazioni del day after che non possono che essere molto diverse a seconda dei vari punti di vista. Certo, gli allenatori di entrambe le squadre non possono dormire sonni molto tranquilli per quello che riguarda la fase difensiva, perché prendere tre gol è preoccupante, mentre entrambi hanno di che gioire rispetto alla fase offensiva. Le reti messe a segno dalle due squadre, tra l’altro, non sono esattamente speculari. Il San Giorgio è stato bravissimo a sfruttare tre errori anche importanti del Barano per colpire. I gol dei bianconeri, invece, sono stati innanzitutto tutti e tre di pregevole fattura, il che non guasta mai, e due centri su tre sono arrivati al termine di belle combinazioni di gioco. Una vera e propria perla balistica era stato il primo gol baranese, a firma di Raffaele Selva, l’uomo partita di sabato pomeriggio, che appena un minuto dopo il gol di Palumbo ha preso palla sulla sinistra, si è accentrato e ha calciato a giro sul secondo palo per il più classico dei gol che un tempo si sarebbero definiti “alla Del Piero”, mandando in visibilio i presenti al campo e guadagnandosi i cori di apprezzamento dei piccoli delle giovanili presenti sugli spalti che ne scandivano il nome e il cognome. Poco dopo, il gol di Spilabotte su un pallone perso malamente ed ecco ancora lui, Raffaele Selva, a finalizzare una bellissima ripartenza del Barano, iniziata da De Simone e rifinita da D’Antonio, sempre più a suo agio in campo. L’ennesimo vantaggio del San Giorgio era stato poi generato da un pallone perso proprio da Selva nel tentativo di una ripartenza, ma lo stesso folletto classe ’97 dopo 3’ dall’inizio della ripresa aveva servito un pallone troppo delizioso per uno come Faustino Oratore, bravissimo a scaraventarlo in porta. Un pareggio, dunque, spettacolare, che mette la squadra di Gianni Di Meglio con un punto in più rispetto all’inizio, ma lo stesso allenatore bianconero, dopo il match, dichiarerà che “con un punto alla volta non si va da nessuna parte”. In effetti al Barano serviva una vittoria, dopo l’altro 3-3, di 15 giorni fa contro il Pomigliano, e la sconfitta di Frattamaggiore nel precedente turno di campionato. Avrebbe potuto approfittare di questo risultato il Real Forio di Mimmo Citarelli, rimasto però fermo al palo per l’indisponibilità dei traghetti di ieri mattina, con l’incontro che dovrà essere recuperato chissà quando. Sebbene non sia un altro campo isolano, anche quello del Casoria non ha visto giocare nessuno. Dopo ben due sopralluoghi, infatti, il signor Tedesco di Battipaglia ha dichiarato impraticabile in terreno di gioco, con la partita tra la squadra di casa e il Marcianise che si aggiunge all’elenco delle gare da recuperare. Nel resto del Girone A di Eccellenza, intanto, la situazione nella zona calda è particolarmente interessante per il Real Forio, che con un successo si potrebbe portare alle spalle della Mariglianese, ma soprattutto potrebbe ricucire leggermente lo strappo che già si è creato con le altre squadre che occupano la coda della classifica. Tutto questo, tra l’altro, a giusto un paio di settimane dall’apertura delle liste di trasferimento di dicembre, che certamente stravolgerà di molto gli equilibri in campo. Difficile infatti immaginare che, una tra tutte, il Pomigliano possa pensare di continuare la sua stagione in queste condizioni senza qualche operazione di mercato che possa rilanciare la squadra, costruita in estate quantomeno per occupare la parte sinistra della classifica, che ora sembra lontanissima, e non certo in termini di punti. A dicembre qualche operazione di mercato per le due isolane sembra impossibile da evitare, per cercare di restare idealmente attaccati al treno delle squadre che aspirano alla salvezza e soprattutto per non far crescere troppo il gap con le prima squadre della zona playout, che potrebbero finire col condannare anche la terzultima ad una sorte infelice.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close