Statistiche
POLITICAPRIMO PIANO

Elezioni Casamicciola. I “trombati” eccellenti

Ogni volta, dopo le elezioni, che siano politiche o amministrative, europee o regionali, si contano sul campo di battaglia i ‘sommersi e i salvati’, quelli che ce l’hanno fatta e quelli che invece sono stati trombati come accaduto anche allo spoglio di lunedì a Casamicciola.  Non esistono particolari distinzioni: gli esclusi eccellenti di queste elezioni Comunali a Casamicciola si trovano sia a “destra” che a “sinistra”. 

Partiamo dalla lista del sindaco eletto, Giovan Battista Castagna.

L’apprezzato e stimato pediatra, Vincenzo D’Ambrosio ha preso 232 voti (298 nel 2014) e non è entrato in consiglio comunale.

Nella lista di Arnaldo Ferrandino, flop totale per il medico Abramo De Siano, che ha raggiunto appena 115 voti. Ma non finisce qua. Arnaldo Maio, cugino del candidato sindaco, ottiene 187 preferenze mentre l’allergologo Roberto Monti raggiunge appena 150 voti.

Nella lista capitanata da Luigi Mennella, il candidato consigliere Giuseppe Zabatta, dipendente Snav, è stato il più votato ma ha perso peso: 190 preferenze contro le 295 del 2014. Oltre 100 voti persi. Un vero insuccesso.

Ads

Ma il disastro per eccellenza è dell’intera lista dei Cinque Stelle che non sono riusciti, tutti  insieme, a raggruppare più di 76 preferenze.

Ads

Insomma, in queste elezioni comunali i trombati eccellenti, che negli anni passati hanno raccolto discreti consensi a Casamicciola, sono diversi. C’era chi era dato per certo, certissimo. Chi si sentiva al sicuro, in cima alle liste. Una domanda sorge spontanea: ma i “trombati” eccellenti hanno capito che i cittadini non contano solo il giorno delle elezioni?

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
2 Commenti
Più vecchio
Più recente Più Votato
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Gino

Il risultato è falsato dalla doppia preferenza maschio-femmina, si sommano i voti di un candidato e una candidata e vengono penalizzati quelli che non fanno questo inciucio

Nick Charles

Giusto!
Infatti la vera parità di sesso sarebbe quello di obbligare le liste a candidare un numero pari di uomini e donne, che per Casamicciola corrisponderebbe a 6 maschi e 6 femmine, ma con un’unica possibilità di voto per i cittadini, cioè senza consentire l’apparentamento di genere.
Poi per quanto riguarda i trombati :
– per d’Ambrosio ha influito anche la condanna di primo grado che gli pende sulla testa (avrebbe fatto bene a non candidarsi in questa tornata elettorale, aspettando in serenità il secondo grado);
– per Abramo De Siano, lo stare in pensione e l’impossibilità di “gestire pensionamenti” ha decurtato i voti. Lui si che è un Grande Trombato;
– per Roberto Monti non è cambiato niente, perché sono tre tornate elettorali che non viene eletto in consiglio comunale, pertanto non lo si può considerare un trombato. al limite….un ex ex ex trombato;
– Idem per Arnaldo Maio, ex ex trombato.
– infine, per Peppe Zabatta non si può assolutamente parlare di debacle, anzi… un successone, in quanto la lista non ha tirato, e si pensava che Luigi Mennella non avrebbe preso nemmeno il seggio tanto agognato. Pertanto, senza il contributo di Peppe Zabatta, sarebbe ascesa al 4° scranno delle opposizioni Annalisa Iaccarino, con 266 voti, di “Rispetto per Casamicciola.
Una cosa, di sicuro, hanno detto queste elezioni. I candidati medici non tirano più. oramai, vanno di moda bancarellari, analfabeti, faccendieri e biscazzieri.
Evviva Casamicciola!

Back to top button
2
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x