POLITICA

Elezioni, Pascale sceglie (per ora) la strada del silenzio

Mentre il “cantiere” di De Siano & co inizia a delineare un programma, il Barone mantiene segrete le carte: ma fino a quando?

All’ombra del Fungo è già campagna elettorale. Lungo il Corso del paese diverse persone commentano i possibili esiti e le implicazioni delle elezioni che in primavera daranno a Lacco Ameno un nuovo sindaco e un nuovo consiglio comunale, dopo la caduta dell’amministrazione guidata da Giacomo Pascale. Un evento che ha sancito la spaccatura tra il sindaco uscente e quella che politicamente parlando era sempre stata la sua “casa”, cioè il sodalizio che, sotto le insegne di Forza Italia, lo legava al Senatore Domenico De Siano.

I cittadini cercano di capire se l’imminente confronto sarà soltanto un mero riposizionamento di personaggi già noti, dunque la riproposizione di un film già visto molte volte, oppure un appuntamento a suo modo “storico” e dagli esiti non così prevedibili come invece accade da oltre venti anni. E mentre ieri il “cantiere aperto” varato da Domenico De Siano e Carmine Monti si è riunito per cominciare a delineare i punti di un programma che si vuole condiviso, sia tra i componenti del gruppo sia col maggior numero possibile di cittadini, dall’altro lato resta ancora silente la formazione che dovrebbe far capo al “barone” Pascale. Finora non è trapelata alcuna indiscrezione sulle mosse dei fedelissimi dell’ex sindaco, che hanno assistito in silenzio al varo della piattaforma a cui partecipano anche Aniello Silvio e Vincenzo Morgera, e nessun commento è stato espresso sulle prime polemiche che sono sorte proprio in relazione alla partecipazione di questi ultimi al cantiere politico in cui Domenico De Siano occupa senza dubbio un posto rilevante.

E tra i lacchesi si avverte la curiosità verso l’effettiva “tenuta” di tale formazione che, a livello macro-politico, riunisce esponenti con storie politiche personali di aree ben diverse tra loro. Si dice che il silenzio di Pascale sia studiato, e che la lista da presentare ai cittadini abbia registrato importanti progressi: di certo, dopo la famosa foto di Giovanni De Siano a cena coi pascaliani, null’altro si è più saputo. Se vi sono stati incontri in chiave elettorale da parte del gruppo del Barone, di certo questi si sono svolti ben lontano da occhi indiscreti. Così, mentre il “cantiere aperto” cercherà di spiegare ai cittadini la novità della proposta politica appena lanciata, Giacomo Pascale preferisce evitare di rispondere con la formula dell’incontro pubblico di presentazione, spostando più avanti nel tempo il momento in cui verranno tolti i veli alla lista che andrà all’attacco della “corazzata” favorita.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close