ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Eliporto, arriva la nuova ordinanza di Castagna

È tradizione di fine anno, quella in cui il sindaco di Casamicciola Giovan Battista Castagna emana l’ordinanza che impone al liquidatore della società Marina di Casamicciola, l’avvocato Gelsomino Sirabella, la continuazione del servizio di elisoccorso (Hems) H 24. In pratica, una nuova proroga per quello che resta un servizio fondamentale per l’intera isola, motivo per cui il sindaco, nella qualità di ufficiale di Governo e quindi di detentore del potere di adottare provvedimenti contingibili e urgenti, ha emanato il relativo atto per garantire la prosecuzione dei pubblici servizi eliportuali affidati alla Marina di Casamicciola.

L’ordinanza fra l’altro tiene presente dello stato di liquidazione in cui versa la società partecipata al 100% dal Comune, colpita da crisi da sovra indebitamento, che da diverso tempo ha avviato l’iter per sottoscrivere un accordo di ristrutturazione dei debiti, con la quale il liquidatore della società, in riferimento alle pratiche di ristrutturazione del debito, “partecipa per quanto alle istanze di transazione fiscale e previdenziale presentate e in corso di definizione (nell’ambito degli articoli 182 bis e ter della legge fallimentare) che allo stato siamo in attesa di definizione delle stesse presso i rispettivi Enti creditori. È verosimile che a stretto giro nei prossimi mesi sia l’Agenzia delle Entrate che l’Inps e l’Inail diano riscontri positivi circa la definizione delle stesse istanze così come da noi formulate nell’ambito della ristrutturazione del debito”.

La nuova ordinanza sindacale tiene conto del fatto  che le condizioni che diedero origine al precedente provvedimento di fine 2016 non solo persistono, ma sono state anche integrate da ulteriori fatti ed elementi che hanno giustificato la nuova misura dello stesso tenore. Innanzitutto il citato risanamento in atto da parte della società Marina di Casamicciola srl per le pendenze verso l’Inail, l’Inps e Agenzia delle Entrate, seppur iniziato, non è ancora stato completato. Inoltre, il drammatico sisma del 21 agosto ha fatto sì che diverse sedi comunali risultino tuttora inagibili, in particolare quella di via Principessa Margherita, proprio dove è situata la sede amministrativa di Marina di Casamicciola, e quella di Piazza delle Scuole, dove c’è la sede operativa della stessa società.  Circostanze, queste, che hanno comportato un oggettivo impedimento e rallentamento delle operazioni in corso di risanamento, e che non hanno consentito di portare la questione in Consiglio Comunale, come era stato disposto un anno fa.  Per di più, il sisma ha anche amplificato il numero degli interventi di elisoccorso con un sensibile aumento della spesa annuale e, per converso, un maggior importo di circa 16mila euro che la società si trova a dover fatturare. Quest’ultimo importo è già stato riconosciuto dal Commissario dell’emergenza, architetto Grimaldi, con l’ordinanza n.7 del 6 novembre 2017.

Infine, due giorni fa è stata protocollata una nota congiuntamente firmata dal revisore della partecipata, Francesco Maria Marchionibus, e dal liquidatore avvocato Sirabella, i quali hanno tra l’altro evidenziato anche la necessità di una integrazione dei canoni che il Comune attualmente versa nella misura annuale di € 502.744,80 che devono essere adeguati all’importo di 580mila euro tondi all’anno. Tale importo trova giustificazione nella nuova determinazione dei costi, testimoniata anche dalla circostanza che lo stipendio del personale è stato decurtato del 30%, riuscendo in tal modo a mantenere il livello occupazionale di quindici lavoratori. Tutto ciò, però, a patto di non scendere al di sotto dei 580mila euro annui.

L’ordinanza ha dunque stabilito che l’avvocato Sirabella in qualità di liquidatore, garantisca la “non interruzione” del servizio in ambito eliportuale/elisoccorso e portuale fino a una nuova decisione del Consiglio Comunale, e comunque non oltre il 30 giugno del 2019, servizio che sarà garantito agli stessi patti e condizioni previsti dalle delibere del Commissario Straordinario emanate all’inizio del 2014.

Ads

Ads

Articoli Correlati

Rispondi

Controllare Anche
Close
Back to top button