ARCHIVIOARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Enzo da guinness: per i funzionari ecco la proroga di cinque giorni!

Quando ci sono di mezzo politica e amministrazioni comunali, capita spesso di vederne di tutti i colori. Qualche volta, però, si finisce col fare i conti con delle anomalie francamente fuori dal comune (con la “c” minuscola, ovviamente) e che risultano obiettivamente incomprensibili. E’ il caso di due decreti che sono stati firmati lunedì scorso dal sindaco d’Ischia, Enzo Ferrandino, il quale con gli atti n. 76 e 77 ha dapprima confermato Paola Mazzella come responsabile dello staff del primo cittadino e con altro documento ha fatto altrettanto con tutti i responsabili di settore. Nulla di strano, direte voi, ed in effetti è quello che inizialmente abbiamo pensato anche noi. Poi però andando a spulciare i decreti con un’attenzione maggiore c’è una cosa che oggettivamente salta agli occhi.

Prendiamo a esempio l’atto che ha a che fare proprio con la dott.ssa Mazzella, partendo dal presupposto – come detto – che il discorso vale pure per tutti gli altri, senza eccezione alcuna. Enzo Ferrandino, di fatto, decreta che «è conferito alla dott.ssa Paola Mazzella, in possesso di laurea in Economia e Commercio, abilitata alla professione di dottore commercialista e iscritta all’Ordine dei Revisori Contabili, l’incarico di funzionario addetto alle attività istituzionali dell’Ufficio di Staff a supporto degli organi di direzione politica (sindaco e giunta) full time, allo stato vacante, fino al 30 settembre salvo proroga espressa e salva ogni diversa disposizione di legge sul pubblico impiego applicabile agli incarichi conferiti ex art. 90 del T.U. 267/2000». Insomma avete capito bene: considerando che gli atti portano la firma del 25 settembre, il sindaco ha prorogato per appena cinque giorni. Ma che roba è? Beneficati dello stesso trattamento, per la cronaca sono nell’ordine: Giuseppina Pilato (funzionaria asmministrativa, confermata al servizio 1 “Contenzioso-Contratti”), Elisabetta Di Iorio (servizio 2 Turismo e Cultura), Raffaele Montuori (servizio 3, Affari Generali, Demografici ed Elettorali e Servizio 4 ossia Ufficio di Piano), Francesco Fermo (Servizio 5, Edilizia Privata e Demanio), Marco Minicucci (Servizio 7, Manutenzione, Impianti Sportivi, Cimitero), Raffaele Mazzella (Servizio 9, Ambiente e Pinete), Francesco De Angelis (Servizio 8, Pianificazione Paesaggistica), Rita Bararuolo (Servizio 12, Entrate e Tributi), Antonio Bernasconi (Servizio 11, Ragioneria, Programmazione Risorse Umane, Bilancio, Patto di Stabilità e Servizio 19 ossia Gestione Stralcio Dissesto), Giovan Battista Conte (Servizio 14, Catasto, Informatica, Protezione Civile), Salvatore Marino (Servizio 13 (Entrate, Uscite, Controllo di Gestione, Economato e ad interim il Servizio 10, Sportello Unico per le Attività Produttive), Giovan Giuseppe Pugliese (Servizio 15, incarico di comandante della polizia municipale), Giovanni Di Meglio (Servizio 16, amministrativo Polizia Locale). Nello stesso decreto Enzo Ferrandino ha confermato gli incarichi direttivi gratuiti all’ingegnere Gaetano Grasso, quale responsabile dei Servizi 21 (Sviluppo del Territorio e Progetti Strategici) e del Servizio 6 (Lavori Pubblici).

Negli atti vengono citati i concorsi, i rinvii, le dimissioni di Marco Raia ma nello specifico questo conta poco. Resta una circostanza, quella della proroga a cinque giorni, che se non entra nel guinness dei primati ci manca veramente poco. Abbiamo provato a capire cosa ci potesse essere sotto, ma dagli ambienti del palazzo municipale di via Iasolino non arrivano conferme di alcun genere. A voler pensar male è lecito ipotizzare che forse bisogna firmare qualche atto importante e che il primo cittadino, per confondere le idee, abbia deciso di rinnovare tutti gli incarichi piuttosto che soltanto quello o quelli che gli interessavano maggiormente. Difficile trovare un’altra spiegazione, anche se poi, come diceva Sir Conan Doyle, “in un’indagine quando hai eliminato l’impossibile quello che resta per quanto improbabile deve essere la verità”. Resta un mistero, per adesso, ma l’impressione è che non resterà tale a lungo.

Gaetano Ferrandino

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close