Statistiche
POLITICA

Equilibri di bilancio, convocato il Consiglio a Forio

La seduta si svolgerà il primo dicembre alle 9.30 nella sala del Molo Borbonico. All’esame anche i debiti fuori bilancio

Anche a Forio il Consiglio comunale torna a riunirsi, come negli altri enti isolani, per esaminare questioni di bilancio: ieri sera infatti è toccato a Ischia. La seduta, in sessione ordinaria pubblica, è stata fissata per il primo dicembre alle ore 9.30 nella sala conferenze del Molo Borbonico intitolata a Lucia Capuano, ubicata nel piazzale Marinai d’Italia. Saranno sette i punti all’ordine del giorno.

Il primo riguarda la ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi e verifica degli equilibri di bilancio ai sensi dell’articolo 193 del D.Lgs 267/2000, con l’esercizio 2020, ratificando la delibera di giunta dello scorso 14 ottobre adottata in via d’urgenza. Il secondo punto in agenda concerne l’approvazione del bilancio consolidato dell’esercizio 2019 e la presa d’atto delle risultanze dei bilanci di esercizi 2019 degli organismi partecipati dal Comune di Forio. Altri quattro punti riguardano il riconoscimento di altrettanti debiti fuori bilancio: una sentenza del Tribunale di Napoli in merito a un ricorso della signora Ivana Mattera, una sentenza del giudice di pace di Ischia su ricorso di Ambrogio Del Deo, poi una decisione della Corte d’Appello di Napoli col conseguente riconoscimento dei debiti fuori bilancio a favore dei signori Giovanni Matarese, Dario Amoroso e Giuseppe Cigliano.

Infine, un’altra sentenza del giudice di pace sul ricorso di Anna Verde. Il settimo e ultimo punto in discussione riguarda l’Ambito 13, con la presa d’atto del coordinamento istituzionale della seduta del 6 novembre scorso, con la approvazione del quarto piano sociale regionale 2019-2021, il piano di attuazione locale per la programmazione delle risorse della quota di servizi del fondo Povertà annualità 2019, e l’approvazione dello schema d’accordo di programma per la realizzazione di un sistema integrato di interventi e servizi sociali attraverso la gestione associata delle funzioni amministrative e dei servizi sociali e socio-sanitari.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button