Statistiche
ARCHIVIO 5POLITICA

Ermando Mennella: «Più servizi e attenzione al territorio, così recupereremo il terreno perduto»

 

di Francesco Castaldi

ISCHIA – Come vi abbiamo puntualmente riferito qualche giorno fa sulle colonne di questo quotidiano, è stata resa nota la classifica 2016 del “Mare più bello”. Ben ventisei le località turistiche campane menzionate all’interno della nuova “Guida blu” stilata da Legambiente e dal Touring Club Italiano, tra le quali primeggia Pollica, la città del sindaco-pescatore Angelo Vassallo. Nel prestigioso elenco non figura tuttavia l’isola d’Ischia, che per l’ennesima volta non soltanto non ha ottenuto alcun significativo riconoscimento, ma addirittura deve subire l’onta di non essere presente neppure nella classifica che viene riservata alle isole minori. L’unica magra consolazione per l’isola verde è rappresentata dal fatto che Legambiente, come nel caso di Amalfi, di Vico Equense e della vicina Procida, ha inteso attribuire a Ischia soltanto due vele che, se paragonate al bottino di Ponza e Anacapri (che sono nella categoria delle quattro e cinque stelle), ci forniscono un quadro abbastanza chiaro del gap che divide le isole pontine e il comune dell’isola di Tiberio dalla nostra isola. In relazione a questo specifico argomento abbiamo raccolto le considerazioni del presidente della Federalberghi Ermando Mennella, che ha risposto ad alcune domande che gli abbiamo rivolto.

 

CONTINUA  A LEGGERE SUL GIORNALE IN EDICOLA

Ads
Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x