Statistiche
CULTURA & SOCIETA'PRIMO PIANO

Eroico Gianni Sasso, l’ennesima impresa a 50 anni

L’atleta ischitano ha percorso in poco più di cinque ore la maratona di Firenze con le stampelle e una sola gamba: continua ad essere un esempio da seguire su scala planetaria

Le immagini del suo trionfale arrivo al traguardo, danno il senso dello straordinario successo che l’atleta ischitano Gianni Sasso, campione di paratriathlon famoso in tutto il mondo,  ha riscosso alla maratona di Firenze. A cinquant’anni suonati è riuscito a coprire i 42 km previsti in 5h, 6’ e 51” percorrendo ogni chilometro con una media di 7 minuti e 7 secondi.

Un tempo strepitoso se teniamo conto che appena tre settimane fa aveva preso parte alla maratona di New York. Felice per la prestazione ottenuta, Gianni ha voluto ringraziare gli amici che l’hanno accompagnato in questa nuova avventura sportiva. Detentore del Record del mondo di categoria della maratona battuto nel 2012 ad Amsterdam, Gianni Sasso nonostante abbia raggiunto il traguardo del mezzo secolo, continua a volare sulle stampelle con disinvoltura ed entusiasmo, quasi come il tempo per lui si fosse fermato. Perché per Gianni i limiti sono solo nella testa e nulla è impossibile se c’è la volontà di superare anche se stessi.

Abituato sempre e comunque a gettare il cuore oltre l’ostacolo, a sedici anni quando a seguito di un tragico incidente stradale gli fu tranciata di colpo la gamba sinistra, non pensò a quello che aveva perso, ma a quello che avrebbe potuto fare con la gamba destra. E così, anche grazie all’indispensabile supporto dei familiari e degli amici di sempre, ha continuato a praticare sport ad altissimi livelli vestendo la maglia della nazionale di calcio amputati, diventando campione nazionale di paraciclismo e partecipando alle paralimpiadi di Rio 2016 al ritorno dalla quale ebbe un’accoglienza trionfale sul porto d’Ischia.

Articoli Correlati

Rispondi

Back to top button