Statistiche
POLITICAPRIMO PIANO

Esplode la “bomba” a Ischia, Enzo & Gianluca insieme!

Arriva il manifesto politico del sindaco d’Ischia, “Rilanciamo Ischia”, che sembra un messaggio in codice: chiaro l’invito a mettere da parte colore ed interessi politici dando prova di coesione e attaccamento per il paese. Di fatto è l’annuncio dell’accordo raggiunto tra Ferrandino e l’ex rivale Trani

E’ un manifesto politico, un appello all’unità. A firmarlo è Enzo Ferrandino, sindaco d’Ischia, che però sembra aprire la strada ad una serie di accordi e gemellaggi in vista delle prossime elezioni amministrative. E il primo quesito che ci siamo posti è: vuoi vedere che il primo cittadino ha deciso di stringere alleanze anche con alcuni esponenti della minoranza in modo da allestire una vera e propria corazzata in vista del 2022? Il primo cittadino ha diffuso il predetto manifesto nella serata di ieri e all’interno dello stesso scrive: “Ci troviamo a vivere un momento storico senza precedenti. La pandemia ha segnato la nostra vita. I mesi dell’emergenza sono stati duri e ci hanno impegnati nel perseguimento di un obiettivo primario: la salvaguardia della salute dei nostri concittadini. Si apre ora una stagione nuova, quella della ripartenza. Perché se è vero​ che l’emergenza sanitaria ha fatto numerose vittime e ci limita tuttora nella nostra quotidianità, non meno dolorosa sarà – ​ per molto tempo ancora​ – ​ l’emergenza economica e sociale. È però vero che i momenti difficili, anche i più complicati, possono trasformarsi in una grande occasione di rilancio e di rinascita: ‘nelle difficoltà nascono le opportunità’ diceva Albert Einstein. Se negli ultimi anni è già stata avviata una stagione di investimenti grazie a finanziamenti che arrivano dai diversi enti sovracomunali, l’appuntamento con i fondi in arrivo dall’Europa grazie al Recovery Fund è la prova certa che ci troviamo davanti ad una sfida importante, senza precedenti: accelerare un processo di cambiamento, ammodernamento e consolidamento in molteplici settori”.

Attenzione però al passaggio successivo del primo cittadino, dai toni assolutamente inequivocabili: “Immaginiamo anche per il Comune di Ischia un progetto ampio e di larghe vedute a cui è opportuno che collaborino tutte le forze politiche responsabili del territorio. Scriviamo il futuro del nostro paese e c’è bisogno del contributo di tutti, mettendo da parte il colore e gli interessi politici e mettendo al centro l’amore per il nostro paese. Se l’obiettivo è quello di lasciare un segno positivo, questo è il momento di dimostrare concretamente l’attaccamento alla nostra comunità e dare prova di coesione”. Ma chi sono le cosiddette forze responsabili? Ieri sera si è scoperto l’arcano. Il sindaco e il leader della minoranza Gianluca Trani hanno ufficialmente raggiunto un accordo e correranno insieme alle elezioni del 2022. Dell’attuale minoranza qualcuno salirà a bordo, qualcun altro resterà a terra ma è il gioco delle parti e su questo saremo più chiari nelle prossime edizioni del nostro giornale. Quello che fino a ieri poteva apparire fantapolitica si è invece improvvisamente e clamorosamente concretizzato.

Nei prossimi giorni approfondiremo la questione, intanto ecco cosa prevede i punti principali del predetto progetto.

​OPERE PUBBLICHE: ​Completare le opere pubbliche già in corso e soprattutto produrre nuove progettazioni​ per sfruttare al meglio i fondi che saranno messi a disposizione. Scuole, infrastrutture che favoriscano forme di ​ mobilità alternative, interventi di mitigazione del ​ rischio idrogeologico e messa in sicurezza del territorio e delle nostre coste, strutture pubbliche.

​TRANSIZIONE ECOLOGICA: ​Continuare a piantare nuovi alberi, ​rivalutare tutte le pinete e il nostro polmone verde. Attraverso una conversione culturale di tutta la cittadinanza, ​ predisporre una nuova idea di mobilità sul nostro territorio, che porti a scoraggiare l’utilizzo dell’auto preferendo mezzi di trasporto alternativi pubblici ma anche privati, passando per una nuova organizzazione del nostro comune con nuove infrastrutture nelle zone periferiche dove lasciare le auto per liberare il centro cittadino e il centro storico dal traffico.

Ads

SUPPORTO AL SETTORE TURISTICO: Attraverso gli investimenti sulle infrastrutture e attraverso le nuove politiche sull’ambiente, ma soprattutto valorizzando il patrimonio culturale e paesaggistico che abbiamo a disposizione, sfruttando l’organizzazione di eventi mirati per specifici target di turismo, riuscire a lanciare il turismo ischitano lavorando anche ad​ una strategia condivisa con gli altri comuni isolani.

Ads

​SOSTEGNI ECONOMICI ALLE ATTIVITA’ ECONOMICHE LOCALI: Attraverso l’ottimizzazione delle risorse comunali a disposizione, implementare gli strumenti di aiuto economico e di sgravio fiscale alle imprese del nostro territorio con meccanismi premianti proporzionati all’offerta di lavoro che offrono ai nostri lavoratori stagionali e non.

SCUOLA: Messa in sicurezza e rinnovamento dei plessi scolastici del nostro territorio. Un ammodernamento dei plessi scolastici comunali che permetta alle nostre scuole di adattarsi alle nuove esigenze del mondo scolastico, creando contestualmente anche luoghi di incontro e strutture (palestre, biblioteche, auditorium, parcheggi) da mettere a disposizione dei nostri giovani.

SANITA’, TRASPORTI, GIUSTIZIA: Fermo restando la necessità di aumentare le dosi di vaccino disponibili, nell’immediato mettere a punto un piano vaccinale condiviso con la Asl di riferimento dopo il positivo riscontro organizzativo riscontrato nelle sessioni di vaccinazione degli over 80, del personale scolastico e dei termalisti raggiungendo il prima possibile obiettivo l’isola “covid free”. Nel lungo periodo supportare con progetti concreti gli enti preposti alla gestione dei servizi sanitari sull’isola. Idem per il settore dei trasporti, prestando attenzione anche al comparto privato coinvolgendo taxi ed NCC in una strategia che abbia come obiettivo da un lato il miglioramento dei servizi, dall’altro il sostegno alle categorie coinvolte. Infine, profondere il massimo sforzo possibile per supportare l’avvocatura ischitana nella battaglia per la stabilizzazione del nostro tribunale, vitale per la nostra isola.

P.S. A proposito di ritorni di fiamma, per la cronaca il manifesto termina così: “Fare grandi cose è difficile ma il coraggio e la solidarietà saranno i protagonisti di questa sfida che, solo uniti, si può vincere”. Insomma, ci voleva poco a capire che nulla poteva essere così casuale.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x