Statistiche
CRONACAPRIMO PIANO

Festa della Repubblica, 8200 passeggeri sbarcati sull’isola

Nel lungo ponte festivo appena andato in archivio i numeri risentono ancora delle limitazioni allo spostamento per scopi turistici, ma la tendenza è in timida crescita

Negli anni scorsi il comparto turistico isolano era abituato a ben precisi “termometri” per misurare l’avvio della stagione. Tali indici rivelatori erano concentrati nei ponti festivi della Pasqua, del 25 aprile del primo maggio. Momenti nei quali si verificavano i primi flussi di visitatori, meteo permettendo, in vista del resto dell’anno. Tuttavia l’emergenza sanitaria innescata dalla pandemia da covid-19 e il conseguente isolamento forzato di gran parte della popolazione ha letteralmente spazzato via questa consuetudine consolidata, e la stagione 2020 inizia a prendere le misure proprio dal lungo ponte della festa della Repubblica appena andato in archivio. Naturalmente, è del tutto inutile provare a fare confronti con l’affluenza turistica dell’anno scorso, quando la ricorrenza cadde di domenica, annullando di fatto qualsiasi ipotesi di prolungamenti festivi, anche perché fino a ieri vigevano ancora le misure di limitazione agli spostamenti inter-regionali. Tuttavia, grazie ai dati ufficiali forniti dall’Ufficio Circondariale Marittimo di Ischia guidato dal Comandante Andrea Meloni, è possibile avere un primo riscontro dei flussi in questo lungo ponte. Secondo i dati della Capitaneria, infatti, da venerdì 29 maggio a martedì 2 giugno, pur mantenendo come limite le ore 18.00 di ieri pomeriggio, si sono registrati 8.200 arrivi, e 7.600 partenze.

Nella sola giornata di venerdì sono sbarcati sull’isola 2700 passeggeri. Una settimana prima, venerdì 22 maggio, erano stati circa mille. Dunque è possibile notare una certa progressione negli arrivi da un fine-settimana a quello successivo, del resto anche prevedibile, dal momento che la stagione si avvicina alla vera e propria fase estiva. Nello scorso week-end, lo ricordiamo, in nemmeno due giorni sbarcarono 3300 persone. Siamo naturalmente lontani dai 50mila arrivi per il ponte del 2018, ma fino a ieri, come detto, vigeva il divieto di spostamento tra regioni diverse a scopo di vacanza.

Un altro dato interessante riguarda la movimentazione delle auto: nei cinque giorni in questione, sono quasi millesettecento, 1688 per la precisione, le automobili arrivate sull’isola, a fronte di 1514 in partenza. Va tenuto presente che l’abituale divieto di sbarco per le auto con targa campana non è ancora entrato in vigore. Come si ricorderà, ogni anno il divieto viene varato dal ministero delle infrastrutture e dei trasporti su richiesta dei comuni, ma naturalmente la primavera 2020 ha richiesto attenzioni su ben altre questioni. I dati ufficiali quindi potrebbero risentire di questa circostanza anomala. Nelle prossime settimane si vedrà se tornerà l’abituale divieto, oppure se in via eccezionale verrà consentito ai residenti campani di sbarcare con la propria auto sull’isola.

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x