ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

Festa di Natale, mille persone a Santa Chiara. Iervolino: «L’Università, sempre di più un luogo democratico»

La messa di Natale al Complesso Monumentale di Santa Chiara – organizzata dall’Università Telematica Pegaso – e il successivo ricevimento nei locali attigui al Chiostro maiolicato, è diventato uno degli eventi più attesi dalla città di Napoli nel periodo delle festività.

Fortemente voluto dal suo presidente, Danilo Iervolino, l’evento  è un’occasione durante la quale l’intera comunità universitaria si incontra per scambiarsi gli auguri di Natale.

Forte il messaggio del Presidente dell’Ateneo, Danilo Iervolino  «La cultura, la formazione, l’acquisizione di nuove competenze sono gli strumenti che più di tutti alimentano il progresso, ma è anche vero che allo stesso tempo sono gli strumenti che maggiormente amplificano le disuguaglianze tra gli uomini. Per questo motivo l’università deve diventare, sempre di più, un luogo democratico, inclusivo, aperto alle esigenze delle giovani generazioni, ma anche di chi, pur lavorando, sente l’esigenza di un continuo aggiornamento professionale».

«Pertanto – ha aggiunto il presidente Iervolino – il nostro ateneo avrà sempre nel suo Dna un focus attento alla tecnologia e alla sua costante evoluzione, che pone questioni sociali sempre più difficili e importanti. L’università deve, da una parte, elaborare un diverso modo di sviluppare la tecnologia, più attento alle priorità e alle preoccupazioni dei cittadini, e dall’altra, favorire lo studio tempestivo degli effetti della tecnologia sulla società».

«Avremo un cono visivo – ha sottolineato il presidente Iervolino – sulle questioni che riguardano l’accesso più o meno democratico ai luoghi del sapere, i vantaggi provenienti dallo sviluppo delle nanotecnologie, la concentrazione di potere su Internet, la capacità di controllare i propri dati personali, il rischio di una società della sorveglianza ed altre questioni afferenti la tecnologia che determineranno il nostro futuro».

Ads

Il discorso del rettore Alessandro Bianchi, invece, è stato incentrato sulle numerose attività dell’ateneo e, in particolare, sull’ampliamento dell’offerta didattica, con l’attivazione di tre nuovi indirizzi, rivolta a una platea che, ad oggi, conta più di 70 mila studenti.

Ads

Il direttore generale Elio Pariota ha parlato dell’impegno che l’Università Pegaso sta profondendo per adeguarsi alla crescente domanda formativa di matrice estera: da Malta alla Bulgaria, dalla Serbia all’Ungheria, dalla Russia all’America Latina, passando per Gran Bretagna, Cina e Stati Uniti; e ancora la riva sud del Mediterraneo, con Tunisia e Marocco quali driver per la penetrazione nell’Africa continentale.

Per l’occasione, la rivista “Espresso Napoletano”, ha dedicato alla cerimonia un numero speciale, con un’ampia selezione fotografica con tutti i protagonisti che, in questi anni, hanno preso parte al tradizionale scambio degli auguri dell’Università.

Alla cerimonia religiosa e al consueto ricevimento nei locali attigui al chiostro maiolicato hanno preso parte oltre mille invitati tra i quali: il parlamentare europeo, Aldo Patriciello; il questore del Senato, Antonio De Poli;  il portavoce dei Gruppi parlamentari di Forza Italia, Giorgio Mulè; il componente della Commissione Politiche Europee della Camera dei Deputati, Piero De Luca; il componente della V Commissione Bilancio della Camera dei Deputati, Paolo Russo; il presidente della Sezione  Civile del Tribunale di Napoli, Umberto Di Mauro; il vicepresidente del Consiglio di Presidenza della Corte dei Conti, Francesco Fimmanò; il nuovo presidente dell’Antitrust, Roberto Rustichelli; Presidente della Sezione giurisdizionale per la regione Campania della Corte dei Conti, Michael Sciascia; il presidente del TAR Campania, Salvatore Veneziano; il magistrato della DDA di Napoli, Catello Maresca; il presidente della Sezione Giurisdizionale della Corte dei Conti dell’Abruzzo, Tommaso Miele; il magistrato della Corte dei Conti, Stefano Glinianski;  il sostituto procuratore generale presso la Corte di Appello Napoli, Alessandro Iazzetti; il sostituto procuratore generale presso la Corte di Appello di Napoli,  Ugo Ricciardi; il vicesindaco del Comune di Napoli, Enrico Panini; l’assessore ai Giovani e al Patrimonio del Comune di Napoli, Alessandra Clemente; il sindaco di Caserta, Carlo Marino; il generale della Guardia di Finanza, Vito Bardi; il comandante del Quartier Generale Marina di Napoli, Gennaro Carola; il capo dipartimento del Ministero dell’Istruzione, Università e Ricerca; Luciano Chiappetta; gli imprenditori: Ottorino Mattera con la moglie Rossella, Maurizio Pagano con la moglie Gabriella, Salvatore Giugliano con la moglie Gina, Ambrogio Mattera con la moglie Annamaria, Rosario Bianco;  il rettore di Pegaso International, Lucia Melillo; il rettore di Epu, Carmine Gambardella, il rettore di Universitas Mercatorum, Giovanni Cannata; il presidente del Consiglio Notarile dei distretti riuniti di Napoli, Torre Annunziata e Nola, Antonio Areniello; il presidente dell’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Napoli, Vincenzo Moretta; il presidente dell’Ordine dei Periti Industriali di Napoli, Maurizio Sansone; il presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Napoli, Maurizio Bianco; il manager Francesco Cafagna con la moglie Raffaella; il presidente del Consiglio dell’Ordine dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili di Napoli Nord, Antonio Tuccillo; Gavino Nuzzo, direttore generale Adisu Puglia; il vicepresidente dell’Ordine dei Giornalisti della Campania, Domenico Falco; il consigliere segretario del Consiglio Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, Achille Coppola; il presidente della Banca di Credito Cooperativo di Napoli, Amedeo Manzo.

 

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex