CRONACAPOLITICAPRIMO PIANO

Finanziamenti, pioggia di milioni per l’isola dalla Città Metropolitana

La delibera firmata dal sindaco Luigi De Magistris sancisce definitivamente la realizzazione del piatto strategico: complessivamente finanziate opere per 98 milioni, quasi nove quelli destinati ai Comuni ischitani

Adesso c’è anche l’ufficialità, “carta canta” come si dice in gergo. Nella mattinata di ieri presso la sede della Città Metropolitana il sindaco Luigi De Magistris ha approvato la delibera avente ad oggetto “Linee di indirizzo del Piano Strategico – Parco Progetti dei Comuni: Aggiornamento ed integrazione elenco interventi. Piano operativo: destinazione delle risorse economiche relative all’elenco interventi – Variazione di bilancio per complessivi € 98.472.368,25. Aggiornamento del DUP. Proposta al Consiglio”.

Insomma, di fatto vengono destinati circa cento milioni di euro ai Comuni della Provincia di Napoli per una serie di interventi davvero finalizzati a risolvere una serie di criticità presenti sui vari territori ed a beneficiarne è anche la nostra isola che come vedete nella apposita tabella in pagina porta a casa un bel “bottino” in termini di finanziamenti ricevuti ed opere da eseguire. Per essere precisi al centesimo si tratta di 8.564.434,80 euro.

Nell’atto in pratica vengono citate una serie di postille di natura tecnica, che spiegano come si sia arrivati all’elargizione di questi finanziamenti avvalendosi di strumenti che li rendevano destinabili all’uopo laddove si registrassero avanzi di bilancio. In particolare si legge che “al fine di ottimizzare la tempistica dei procedimenti afferenti al finanziamento degli interventi – anche in considerazione dei termini finanziari di utilizzo dell’avanzo libero di amministrazione per l’anno 2019 – il Direttore Generale ha ritenuto opportuno disporre la verifica dei dati essenziali minimi per la finanziabilità delle opere per tutte le proposte progettuali pervenute a tutto il 15.10.2019 compresi i progetti già inseriti nel Parco Progetti approvato con deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 257 del 06.08.2019 ed aggiornato con deliberazione del Consiglio Metropolitano n. 295 del 30.09.2019; la verifica è stata condotta per ogni proposta progettuale sulla base di una check list di rilevamento dei dati essenziali minimi alla individuazione delle opere da finanziare e specificatamente: Relazione illustrativa dei lavori da realizzare; Inquadramento planimetrico dell’area di intervento; Elaborati grafici di progetto per l’individuazione delle caratteristiche essenziali dei lavori da realizzare; Quadro Economico rispondente ai contenuti essenziali di cui all’art. 16 del DPR 207/2010. la verifica effettuata ha conseguito l’inserimento delle proposte progettuali dotate dei dati essenziali minimi per la finanziabilità e la conseguente esclusione delle proposte prive di tali dati, provvedendo altresì alla rimodulazione dell’elenco già approvato con Delibere del Consiglio Metropolitano nn. 257 e 295/2019”.

Una serie di parametri, quelli appena esposti,che evidentemente sono stati pienamente rispettati dai Comuni dell’Isola d’Ischia che si sono visti approvare tutti i progetti presentate entro i termini previsti. Per la cronaca a spiegare nel dettaglio anche il “concept” del piano strategico, anche sul sito ufficiale della Città Metropolitana, era stato lo stesso sindaco Luigi De Magistris che si era così espresso: “Il Piano Strategico della Città Metropolitana di Napoli è il laboratorio permanente della nuova governance urbana, dentro cui tracciare una visione condivisa della città del futuro, da costruire mediante politiche e azioni concrete e sinergiche. La sfida intrapresa si poggia sulla forza delle nostre comunità, sulla volontà di costruire un senso di cittadinanza metropolitana, per immaginare insieme ciò che vogliamo diventare e come arrivarci, senza lasciare indietro nessuno. Le comunità dei 92 comuni, le loro idee, competenze e desideri, messe in rete con le maggiori rappresentanze scientifiche, culturali ed economiche, partecipano attivamente alla costruzione di scelte condivise, che trovano forma in una visione univoca di scala metropolitana. Città Metropolitana si pone come motore e agente di cambiamento, luogo di incontro di comunità locali, enti di ricerca, mondo imprenditoriale ed associativo, agevolando il dialogo, l’interazione e la ricerca di soluzioni, mediante pratiche partecipative strutturate. A questo scopo il Consiglio Metropolitano ha avviato il primo percorso di pianificazione strategica, nel novembre 2018, individuando preliminarmente direttrici che contemplino come orizzonte costante da traguardare la sostenibilità ambientale e lo sviluppo economico. Il percorso avviato è tutt’ora in itinere, il processo partecipativo vedrà sempre più coinvolgere istituzioni, enti ed associazioni, e porterà in tempi brevi all’approvazione del primo Piano Strategico della Città Metropolitana di Napoli. Il nostro è un processo, un progetto in divenire. Siamo solo all’inizio”. Così parlo De Magistris, che all’epoca evidentemente fu buon profeta.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close