ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5

FITTI IN NERO, RIECCO I CONTROLLI SULL’ISOLA

ISCHIA. I fitti in nero sono una piaga sull’isola d’Ischia. Mettono in pericolo posti di lavoro nel settore dell’accoglienza legale (alberghi, BB), pongono problemi seri di ordine e sicurezza pubblica. Non sappiamo mai chi sono tutti gli ospiti dell’isola d’Ischia. Chi fitta in nero pensa solo ad incassare i soldi, non vuole sapere se il suo ospite è una persona perbene, un camorrista o per ipotesi un terrorista. Importa solo che dia i soldi pattuiti. Su queste e altre situazioni illegali nei giorni scorsi “Il Golfo” si è intrattenuto a lungo, con inchieste e commenti di operatori del settore alberghiero, dununciando una situazione che va tenuta sotto controllo. Puntuale, per fortuna, è arrivata la risposta delle forze dell’ordine alle denunce de “ ll Golfo”. I primi a scendere in campo sono stati i carabinieri.  Il comandane della Compagnia di Ischia, il capitano Andrea Centrella, a breve diventerà maggiore dell’Arma, sta predisponendo una serie di servizi straordinari di controllo delle affittanze per smascherare ogni forma di illegalità nel settore delle locazioni estive. I primi a partire sono stati i Carabinieri della stazione di Forio, al comando del maresciallo Luigi Di Nola.  I militari dell’Arma hanno effettuato controlli sulle affittanze presso le abitazioni della zona Chiaia, Via Spinesante. Sono zone dove anche in passato il fenomeno delle affittanze abusive assumeva dimensioni assai gravi. Sono state censite numerose famiglie, assunte informazioni sulla presenza a Forio. Nelle prossime ore sapremo quante di queste famiglie erano in regola con l’affitto e quali scuse, a volte anche ridicole, hanno accampato per evitare noie con la giustizia sia loro che chi ha fittato la casa in nero. Non saranno controlli isolati, non saranno controlli spot. I carabinieri ne faranno altri di controlli sull’intero territorio isolano per assicurare tranquillità a ospiti e residenti nell’ottica di un’estate tranquilla. Dunque si andrà avanti, se necessario casa per casa, a verificare chi occupa abitazioni, a che titolo e se c’è un contratto di locazione. Niente contratto, nessuna ricevuta, niente tassa di soggiorno e nessuna comunicazione alla Polizia sono le violazioni più gravi accertate. I locatori potrebbero incorrere in contravvenzioni fino a 9mila euro e in alcuni casi gravi anche in reati gravi legati all’antiterrorismo o al dare ospitalità a pregiudicati. 

I controlli continueranno soprattutto in previsione del mese di agosto quando il fenomeno dei fitti in nero raggiunge l’apice. Lo scorso anno, al termine della stagione estiva, sono stati almeno un centinaio i proprietari di case delle vacanze denunciati a seguito dei controlli portati avanti su tutto il territorio isolano da parte di Polizia e Carabinieri. Nel corso dei controlli sono stati controllati affittuari in nero e pregiudicati in vacanza. Ma non solo. Denunce a piede libero per i proprietari di case vacanze colpevoli di non aver notificato la presenza degli ospiti all’autorità di pubblica sicurezza. Per l’aspetto legato alla mancata regolarizzazione dei contratti di fitto, le persone sono state segnalate a guardia di finanza e ufficio commercio del Comune di Ischia. Ma l’inchiesta più interessante perchè non tocca solo i fitti in nero bensì alcune più gravi illegalità tese a eludere il Fisco la sta conducendo la Guardia di Finanza.

v
Giovannaa Ferrara

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex