Statistiche
ARCHIVIO 3ARCHIVIO 5POLITICA

Forio ci riprova: è ancora caccia ad un’area per i camion della NU

Il Comune di Forio rigioca la carta dell’avviso pubblico per individuare aree da poter destinare alla sosta degli automezzi della nettezza urbana e al trattamento di tutte le tipologie di rifiuti. A redigere e sottoscrivere la nota è stato il responsabile dell’ufficio tributi, il dottor Vincenzo Rando. È da tempo che il Comune del Torrione è alla ricerca di un luogo dove allocare i mezzi della NU: dopo l’addio all’area di Cavallaro, l’ente di via Genovino ha iniziato a brancolare nel buio. Con buona pace degli ambientalisti locali, una delle soluzioni attualmente percorribili è quella dell’area di trasferenza ubicata nel bosco di Zaro. Non si tratterebbe della panacea di tutti i mali, certo, ma sfruttando quella zona sarebbe finalmente possibile parcheggiare i mezzi lontano dal centro abitato, e quindi anche dagli occhi – e dai nasi – di residenti e turisti.

Tornando all’argomento principale, di seguito vi riportiamo nella sua interezza il testo dell’avviso pubblico del Comune. «L’amministrazione comunale – esordisce il dottor Rando – ha ancora la necessità di individuare sul territorio comunale un’area da destinare alla sosta degli automezzi NU e per la trasferenza da automezzi satellite ad auto-compattatori dei rifiuti solidi urbani, al fine di scongiurare inconvenienti igienico sanitari, ed eventualmente anche due aree distinte, una da adibire a sosta degli automezzi di piccole e medie dimensioni, e un’altra dove poter effettuare anche o solo le operazioni di trasferenza e di sosta degli automezzi di grosse dimensioni, che dopo le operazioni di riempimento attendono l’orario di partenza per Pozzuoli».

«L’area o le aree – specifica il professionista – dovrebbero preferibilmente avere una estensione tra i 1.000 e i 2.000 mq, con facile accesso dalla strada principale con mezzi di piccole e grandi dimensioni, possibilmente con la presenza di almeno un capannone da adibire a rimessaggio automezzi e a spogliatoio dei dipendenti. Dato atto che con i precedenti avvisi, ad oggi, non sono state reperite aree immediatamente utilizzabili per tali scopi, con il presente avviso si intende verificare se vi sono cittadini in possesso di un’area o più aree con le caratteristiche di cui sopra, che possa/no essere autorizzata/e per la gestione di tutti i tipi di rifiuti, disposti a fittarla al Comune».

Il dottor Rando conclude scrivendo che «i proprietari interessati, e con la disponibilità di un terreno idoneo a tale scopo, possono inoltrare apposita richiesta indirizzata allo scrivente capo del terzo settore, dottor Vincenzo Rando, entro e non oltre il 31 dicembre 2017. Alla richiesta vanno allegate copia dell’atto di proprietà e planimetria dell’area interessata, nonché proposta di canone di fitto richiesto. L’amministrazione si riserverà la facoltà di verificare l’idoneità del sito agli scopi di cui sopra, e solo dopo aver appurato l’idoneità valuterà la stipula di idoneo contratto di fitto».

Ads

Articoli Correlati

0 0 voti
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
Visualizza tutti i commenti
Back to top button
0
Mi piacerebbe avere i vostri pensieri, per favore commentatex
()
x