CRONACA

Forio, corrispondenza abbandonata in strada

Una foto testimonia il destino di una serie di missive destinate a varie zone del Comune del Torrione: raccomandate e bollette lasciate a marcire su un muretto

Il gravissimo problema del mancato recapito della corrispondenza in varie parti dell’isola ormai non fa quasi più notizia. Da sempre su queste colonne abbiamo riportato le pesanti disfunzioni e i disservizi pressoché continui che danneggiano i cittadini isolan, i quali attendono per mesi invano l’arrivo di documenti, plichi, bollette di luce, acqua, gas, telefono. Pochi giorni fa avevamo riportato il sorgere di nuove proteste nei comuni di Forio e Lacco Ameno, in cui ampie zone dei rispettivi territorio comunali risultano quasi completamente non più raggiunti dal servizio postale.

Da Mezzavia alla Spadara, dalla Borbonica a Spinesante, dalla provinciale Lacco-Forio a San Francesco, il recapito della posta è diventato un chimera soprattutto in corrispondenza della sostituzione del postino addetto alla copertura di tali zone. Sostituzione che è stata una vera sventura per gli utenti, le cui proteste si sono moltiplicate negli ultimi tempi ma senza alcun esito. I responsabili del servizio negano sostanzialmente l’esistenza del problema, ma una concreta testimonianza viene ora a corroborare in modo evidente le rimostranze e le contestazioni dei cittadini. Due residenti di Forio si sono infatti imbattuti in una serie di missive abbandonate su un muricciolo a poco distanza dal campo sportivo di Forio. La posta era ormai fradicia d’acqua, ma sulle buste si poteva ancora leggere chiaramente gli indirizzi: si tratta di corrispondenza, di bollette, di raccomandate, tutte indirizzate a recapiti di zone tra Forio e Lacco Ameno. I due cittadini hanno debitamente fotografato la posta abbandonata, prova concreta di quale fine faccia la corrispondenza affidata al postino addetto al recapito nei due Comuni.

A questo punto, di fronte all’evidenza, è auspicabile che Poste Italiane prenda provvedimenti nei confronti dei responsabili del servizio di zona, per porre fine al dannoso scempio della posta gettata e mai recapitata, così come sarebbe opportuna anche un’azione efficace da parte dell’amministrazione comunale di Forio nei confronti degli uffici postali, a partire da quello di Ischia. I residenti, ormai logorati ed esasperati dal mancato arrivo delle missive, sono pronti a passare alle vie di fatto, denunciando l’omissione di servizio presso le forze dell’ordine allo scopo di far accertare le responsabilità della mancata consegna. Tuttavia, al momento, una cosa è certa: gran parte della posta non recapitata non resta nei depositi, né torna al mittente, ma viene semplicemente abbandonata come fosse spazzatura ai bordi di una strada qualsiasi. E, per gli utenti tuttora vanamente in attesa, calci nei denti.

Articoli Correlati

Un commento

  1. Non c’è niente da fare, anche con le foto che dimostrano la verità di un mal funzionamento delle poste non si prende un provvedimento. Vorrei tanto spedire un elenco di lettere con un elenco di parolacce all’ufficio postale di Ischia. Ma poi penso, arriveranno?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Controllare Anche

Close
Back to top button
Close