ARCHIVIO 5POLITICA

Forio, Del Deo gioca d’anticipo: al via i “provini” elettorali

Mentre a Ischia si vivono le ultime concitate ore prima delle elezioni dell’11 giugno, a Forio inizia a muoversi la macchina in vista delle amministrative che si svolgeranno il prossimo anno. È ancora presto per comprendere chi saranno i candidati oltre al sindaco uscente, che resta il favorito in un territorio che non ha ancora espresso un anti Del Deo in grado di sovvertire gli equilibri e sedersi sulla poltrona più ambita del palazzo municipale. Giocano a favore dell’ex democristiano anche le statistiche: infatti dal 1994 – anno in cui venne introdotta l’elezione diretta del sindaco – nessun primo cittadino uscente è stato bocciato dall’elettorato. A parte queste valutazioni c’è da dire che il “Green Flash”, nelle ultime settimane, sta diventando il luogo preferito di aspiranti consiglieri e dei sodali del sindaco attualmente in carica. Lo dimostra il fatto che la sede comunale di via Giacomo Genovino è diffusamente frequentata da personaggi della scena pubblica foriana come Nando ‘o Barone, al secolo Ferdinando Castaldi, che in un’intervista rilasciata qualche tempo fa al nostro quotidiano ci ha confermato il proprio concreto impegno nel perorare la candidatura dell’ex democristiano.

Il Barone, noto ai più per il suo trenino con il quale porta i turisti in giro per il paese, ha deciso di “scendere in campo” ed ufficializzare la propria candidatura con grande anticipo, fungendo da consigliere “esterno” e supportando le iniziative che saranno portate avanti dall’amministrazione comunale per tutta l’estate e per i mesi che ci separano dal voto. Ma Nando Castaldi rappresenta soltanto uno dei tanti foriani che si stanno recando presso il palazzo municipale per interloquire con il sindaco e portare le proprie idee. Tra questi spicca anche Pasquale Mattera, meglio noto come Pasquale “Malvisiello”: l’imprenditore, con l’immancabile sigaro tra le labbra e accompagnato da un suo delfino, è stato visto entrare ieri mattina nell’ufficio del primo cittadino. Fare una cronaca esaustiva di ciò che si sono detti i due è missione assai ardua, anche perché l’esterno dello studio del sindaco, dai tempi degli abbattimenti, è monitorato da un impianto di videosorveglianza che permette a Del Deo di avere una privacy “da clausura”.

Tuttavia, voci di corridoio ci hanno riferito che nel corso del colloquio Francesco Del Deo avrebbe dissuaso Malvisiello dal candidarsi a sindaco di Forio, proponendogli di unirsi alla sua coalizione. Come di certo ricorderete, a fine novembre l’ex assessore delle giunte Monti e Regine aveva annunciato sul proprio profilo Facebook la nascita di un movimento e la sua conseguente candidatura a sindaco del Comune turrito. «Oggi è una giornata importante per Forio e la sua gente. Umiltà, passione, onestà: questi i valori che ispirano la nostra azione e il nostro impegno, questo il nome ed il simbolo del nostro movimento. Facciamo appello a tutte le donne e agli uomini che sono animati dallo spirito di risollevare le sorti del nostro paese, delle sue tradizioni, della storia antica ed importante. Un movimento che non nasce contro l’operato di questa amministrazione che sarà giudicata dagli elettori, ma che si propone di elaborare programmi e progetti nell’interesse della collettività mettendo da parte interessi personali. I cittadini saranno protagonisti del loro futuro, con incontri periodici daremo voce alle loro idee». Nonostante questo proclama decisamente enfatico e condito di retorica, la vis eloquentiae dell’ex democristiano deve aver fatto breccia in Malvisiello, che sempre secondo le nostre fonti avrebbe accettato la proposta di Del Deo.

Nel frattempo, anche a Panza sarebbe partita la corsa verso le amministrative. A capeggiare la falange panzese, secondo i meglio informati, sarà Nicola Monti. L’ex assessore dell’amministrazione di Franco Regine, da tempo lontano dall’agone politico e sociale foriano (sono anni che se ne sono perse quasi del tutto le tracce), sarebbe quindi pronto a fare il grande salto e a proporsi come sindaco in uno schieramento al cui interno si collocherebbe anche Franco Regine. Ma il tutto potrebbe essere repentinamente sovvertito: non bisogna dimenticare, infatti, che quattro anni orsono il fronte anti Del Deo si sfaldò poiché i suoi membri non trovarono un candidato che potesse succedere a Franco Regine. In questo nebuloso scenario, inoltre, potrebbe avere un ruolo anche Franco Castagliuolo, tagliato fuori a poche ore dal voto del 2013.

Il “volpino”, secondo le gole profonde, avrebbe anche un “piano b”. Nel caso dovesse sfumare la candidatura a sindaco, Nicola Monti tenterà di stringere un accordo con Del Deo (per la serie: “se non puoi sconfiggere il tuo nemico, fattelo amico”). Un’alleanza, quest’ultima, che potrebbe consegnare a Nicola Monti una base elettorale da spendere con profitto nei prossimi anni. Ma questi, al momento, sono soltanto inciuci da bar sport. Allo stato dell’arte, però, tutto fa pensare che assisteremo ad una campagna elettorale scoppiettante e piena di colpi di scena.

Annuncio

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Back to top button
Close